Compagnie Luce e Gas Convenienti

Info luce gasInfo contatori luce gas

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Risparmia oltre 268 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

02 947 587 72 O Fatti richiamare
Servizio gratuito valutato valutato 4.8
Più info
Info luce gasInfo contatori luce gas

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Risparmia oltre 268 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Prendi appuntamento
Servizio gratuito valutato valutato 4.8
Più info
compagnie luce e gas
quali sono le compagnie luce e gas più convenienti?

Non sai quale scegliere tra le tante offerte luce e gas? Ti aiutiamo noi! Potrai risparmiare fino a 336 € sul gas e 532 € sulla luce all'anno se individui l'offerta migliore per te. Confrontare il costo del kWh e del Smc (unità di misura per il gas) e capire in che modo vengono calcolati i consumi in bolletta, è il primo passo per identificare la migliore compagnia luce e gas con cui sottoscrivere il contratto.


Come confrontare le offerte luce e gas?

Il prezzo che trovi in bolletta, è la risultante di una serie di fattori:

  1. Il consumo di ciascun cliente
  2. Il costo della componente energia e cioè il prezzo in €/kWh per l’elettricità e €/Smc per il gas metano
  3. Tasse e oneri statali
  4. Il costo dell'energia che influenza il prezzo della materia prima

Dunque, la voce che bisogna consultare per confrontare le offerte è quella relativa alla materia energia che indica a quale prezzo questa viene venduta. La spesa materia energia (e per il gas metano la spesa materia prima gas) comprende il costo a cui paghi la corrente elettrica in casa che prende il nome di Prezzo Energia. Il PE copre i costi sostenuti per l'acquisto dell'energia elettrica e, mentre nel mercato tutelato questo prezzo viene fissato ed aggiornato ogni tre mesi dall'ARERA, nel mercato libero è deciso liberamente dal fornitore. La spesa materia prima gas include il prezzo del gas, indicato in Smc (Standard Metro Cubo) ed è scelto dal fornitore del mercato libero, mentre chi ha ancora un contratto nel mercato tutelato ha un prezzo che cambia trimestralmente in base al mercato all'ingrosso ed è stabilito dall'Autorità.

La potenza del contatore che scegli in fase di sottoscrizione del contratto è una caratteristica fondamentale della fornitura per l'energia elettrica ed è anche una delle variabili da cui può dipendere il prezzo della tua bolletta. Si misura in chilowatt (kW) ed è indicata nella bolletta, di solito nella prima o nella seconda pagina, all'interno della sezione "Tipologia di contratto" oppure nei "Dati di fornitura". Nel riquadro è indicata sia la potenza contrattuale impegnata sia la potenza disponibile, solitamente pari al 10% in più rispetto a quella contrattuale (potenza impegnata 3 kW, potenza disponibile 3,3 kW).

Se la tua potenza contrattuale non è più sufficiente, puoi contattare il tuo fornitore e richiedere un aumento. Il modo più veloce per farlo è quello di presentare una richiesta online al tuo fornitore di energia elettrica, tramite la tua area clienti. Sarà lui ad inoltrare la tua richiesta alla società di distribuzione incaricata di gestire il contatore. Ad esempio se sei un cliente Eni Plenitude, ti basterà collegarti al sito, cliccare sulla "Home - Assistenza clienti" che trovi in alto a destra, vai su "Assistenza", clicca su "Gestisci il tuo contatore luce e gas (area Contratto)" e infine clicca su "Potenza contatore luce". Puoi richiedere la variazione di potenza online accedendo alla tua Area Personale (la trovi sulla Home, in alto a destra), verrai ricontattato da un operatore per gli aggiornamenti e nel giro di 5 giorni lavorativi riceverai via mail il preventivo. Se decidi di accettarlo, chiama il Servizio Clienti al numero verde 800.900.700 da rete fissa o da cellulare al numero 02.444.141 o recati presso i partner commerciali Eni Plenitude Store.

Di norma, la potenza di un contatore ad utenza domestica si aggira attorno ai 3 kW, ma come dicevamo, potresti avere bisogno di più energia. Potresti ad esempio aver acquistato un nuovo condizionatore, qualche elettrodomestico che prima non era presente in casa, magari hai sostituito dei vecchi elettrodomestici con modelli più nuovi ma che consumano un po' di più, oppure è aumentato il numero dei componenti della famiglia. Se in casa salta spesso la corrente, potresti aver bisogno di un aumento di potenza, perchè il tuo attuale contatore potrebbe avere una potenza troppo bassa per soddisfare le nuove abitudini. A questo punto potresti dover aumentare la potenza del tuo contatore da 4,5 fino a 6 kW.

Attenzione! La potenza impegnata non va confusa con la potenza disponibile. Entrambi i valori si trovano nella prima pagina della bolletta, ma il primo indica il livello di potenza che il cliente ha deciso di attivare sottoscrivendo il contratto di fornitura, quello di potenza disponibile è il livello massimo di potenza previsto dall'impianto di distribuzione, superato il quale scatta il contatore. Se ciò accade spesso, significa che potresti aver bisogno di una potenza del contatore maggiore rispetto a quella attuale.

Quali sono le compagnie luce e gas più convenienti?

Per confrontare le offerte energia del mercato libero, esiste un prezzo di luce e gas da poter prendere come riferimento per procedere al confronto: sono le tariffe ARERA che indicano il prezzo di luce e gas (deciso ogni 3 mesi dall'Autorità per l'Energia) all'interno del mercato tutelato. In ogni caso non esiste una risposta univoca su quale sia il miglior fornitore in assoluto per luce e gas. I parametri variano in base alle esigenze di ogni singolo cliente, complici anche alcuni fattori come: la grandezza dell'abitazione, il numero di persone che la abitano, le ore in cui viene consumata più energia e la quantità del consumo. Per orientarti nella spesa, puoi iniziare individuando la fascia oraria. Le fasce orarie sono 4, ognuna di esse corrisponde ad una parte del giorno e ad ogni fascia si riferisce il consumo elettrico.

  1. F0: tariffa monoraria, in cui il prezzo dell'energia è lo stesso per tutte le 24 ore
  2. F1: mattina (ore diurne, dalle 8:00 di mattina alle 19:00 dal lunedì al venerdì, festività nazionali escluse
  3. F2: sera
  4. F3: notte e festivi

Tra F2 e F3 non c'è grande differenza, infatti solitamente le due fasce vengono accorpate in una sola, F23 (dalle 19:00 alle 8:00 dei giorni infrasettimanali, compresi sabato, domenica e i giorni festivi). Le fasce più economiche sono quelle serali, notturne e festive (F23) questo perchè il prezzo dell'energia, comprato all'ingrosso, varia di ora in ora in base a molti fattori, tra i quali la richiesta di energia. Di giorno la richiesta di energia elettrica è maggiore rispetto alla sera poichè ci sono tantissime attività che ne richiedono un massiccio utilizzo. In virtù di ciò, il prezzo dell'energia (Prezzo Unico Nazionale, PUN) è maggiore di giorno e minore di notte, quando la richiesta di energia è più bassa. La tariffa monoraria è indicata per chi consuma energia elettrica durante tutto il giorno, a prescindere dall'orario. Nella tariffa bioraria invece, il prezzo cambia in base alle fasce orarie F1 e F23. E' perfetta per chi consuma più energia nelle ore serali e durante i week end. Se non sai quale tariffa faccia al caso tuo puoi consultare i dati sulla tua bolletta alla voce "Consumi fatturati e dettaglio letture", in cui troverai i tuoi consumi suddivisi per fasce orarie.

Altri parametri da valutare possono essere:

  • Le offerte in base alla fascia oraria e ai giorni di consumo (la differenza, ad esempio, tra fasce monorarie, biorarie e/o multiorarie con differenze relative a giorni della settimana e orari diurni e notturni)
  • La potenza del contatore (per un cliente domestico può andare da un minimo di 1,5 kW a un massimo di 6 kW a seconda delle esigenze)
  • Il tipo di prezzo che viene applicato (la differenza che c'è tra il prezzo bloccato dei fornitori del mercato libero, che varia in base all'andamento dei prezzi sul mercato dell'energia, e invece quello regolato da ARERA che cambia ogni 3 mesi)
  • Offerte con domiciliazione bancaria delle utenze a cui sono legati particolari sconti. Vengono proposti da ogni singolo fornitore in maniera del tutto libera e differente
  • Le offerte con energia proveniente da fonti rinnovabili (con le offerte green molti fornitori assicurano sconti e incentivi ai propri clienti)
  • Il prezzo dell'offerta (se è fisso o variabile)
  • Le modalità con cui è stata sottoscritta l'offerta (se presso uno sportello o attraverso internet)
  • In che modo possono essere pagate le bollette e quali sono i costi
  • Quando si usa più energia elettrica in casa
  • Offerte aggiuntive per la casa (assicurazioni o manutenzioni varie).

Noi di Selectra abbiamo preparato per te una tabella podio con le migliori offerte presentate dai fornitori energia del mercato tutelato.

Offerte Luce e Gas: la classifica delle tariffe più convenienti Domenica 27 Novembre 2022
Classifica Offerta Luce Gas Spesa* €/mese
  nen energia conviene
NeN Spacial 48
Luce: 77,5€
Gas: 138€


Attiva online Attiva online Attiva online
  offerte sorgenia
Sorgenia Next Energy Sunlight
Luce: 81,6€
Gas: 155€

02 947 587 72 Attiva online (sconto fino a 150€) Attiva online (sconto fino a150€)
  offerte eni gas e luce
Eni Trend Casa
Luce: 93,5 €
Gas: 159,5 €
02 947 587 72 Attiva online (sconto 12€) Attiva online (sconto 12€)

*La spesa mensile è stata calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Mercato libero e tutelato, differenze, vantaggi e svantaggi

Attualmente il mercato energetico è diviso tra fornitori operanti nel mercato libero e fornitori operanti nel mercato tutelato (detto anche di maggior tutela). A gennaio 2024 il mercato di maggior tutela sparirà, lasciando per intero il posto al mercato libero. Quest'ultimo è regolato da prezzi concorrenziali e fissi per 12 o 24 mesi, o variabili, e stabiliti dal singolo fornitore, a differenza del mercato tutelato i cui prezzi sono decisi da ARERA e cambiano ogni 3 mesi circa.

Le tariffe del mercato libero sono confrontabili fra loro, esistono circa 200 fornitori operanti in questo campo e il cittadino è libero di scegliere il fornitore che meglio risponde ai suoi bisogni. Inoltre sottoscrivere e disdire un contratto con un fornitore non ha nessun costo, non è previsto alcun intervento sul contatore nè interruzioni energetiche. Ogni piano tariffario, a discrezione del fornitore operante nel libero mercato, è provvisto di servizi aggiuntivi e/o promozioni. Alcuni fornitori del mercato libero offrono ai propri nuovi clienti un buono Amazon del valore di € 50, 80 o 100 a seconda della promozione attivata. Altri offrono sconti integrati come un prezzo fisso e bloccato per 24 mesi ed energia 100% green, altri ancora possono associare dei premi all'offerta luce e gas, come l'assistenza casa gratuita, o applicare sconti sul prezzo della tariffa del mercato tutelato. Il mercato tutelato non è provvisto di queste offerte e nella maggior parte dei casi propone tariffe più alte rispetto ai prezzi del mercato libero. Tutti i players di questo mercato hanno prezzi fissi imposti da ARERA, non c'è libera concorrenza e alcuni fornitori non offrono il servizio clienti online o via app.

Aggiornato in data