Bolletta Luce Guida: Come leggere i dati della fornitura

Aggiornato in data
min. di lettura

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Guida Bolletta luce mercato libero
Scopri cosa indicano le voci della tua bolletta luce, e cosa fare per risparmiare.

Se stai ricevendo delle bollette luce dal costo elevato e non riesci a comprendere tutto quello che c'è scritto al suo interno questa guida fa per te. Vedremo come leggere tutte le voci delle tua bolletta luce sia del mercato libero sia di quello a maggior tutela, quale tipologia di tariffa hai sottoscritto e quali sono i modi per risparmiare passando ad esempio ad un'offerta più vantaggiosa

Bolletta luce nel mercato libero

All'interno del mercato libero le bollette luce e le bollette gas sono regolate dalla Delibera 501/2014 con cui è stata istituita la bolletta 2.0. Questo formato di fatturazione viene adottato da tutti i fornitori luce e gas per semplificare agli utenti la lettura e la leggibilità della bolletta luce e per permettere loro un confronto più facile tra diverse offerte. Tutte le bollette 2.0 hanno in comune:

  • Tutte le voci di spesa che compongono il costo della bolletta;
  • Eventuali ricalcoli su importi già fatturati;
  • Indicazione dei bonus sociali per gli aventi diritto;
  • Importo totale della bolletta luce;
  • Dati sulle letture e i consumi effettivi, stimati e fatturati;
  • Dati sul consumo annuo;
  • Informazioni relative agli aggiornamenti delle condizioni contrattuali;
  • Consumo degli ultimi 12 mesi (almeno una volta l'anno).

Il modello della bolletta 2.0 per le fatturazioni della luce è valido anche per il mercato dell'energia di maggior tutela e viene applicato alle utenze elettriche con punti di prelievo in bassa tensione come abitazioni residenziali e PMI. Questo formato di bolletta prevede anche un piccolo glossario interno in cui vengono specificate la natura e l'origine di tutte le voci.

Il mercato dell'energia di maggior tutela è composto da fornitori che offrono tariffe luce e gas imposti dall'Autorità che seguono l'andamento costo all'ingrosso della materia prima. Di conseguenza i prezzi delle varie offerte risulteranno equivalenti fra loro e tendenzialmente più svantaggiose rispetto a quelle del mercato libero. Inoltre con la chiusura del mercato tutelato molte aziende saranno costrette ad un passaggio obbligatorio al mercato libero.

Chiusura mercato tutelato della luce Nel luglio 2024 è prevista la data di chiusura del mercato a maggior tutela, gli utenti che non passeranno ad un'offerta del mercato libero entro la scadenza attiveranno automaticamente una tariffa alle stesse condizioni del mercato tutelato per un periodo di 6 mesi, in cui dovranno passare ad un'offerta del mercato libero.

Leggere e comprendere le voci della bolletta luce

Una bolletta è un documento con cui si attesta l'avvenuto consumo per il quale si deve pagare il relativo importo. Dal momento che le voci delle bollette luce sono uguali per tutti i fornitori in quanto stabilite dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), tutte le bollette luce di Enel, Servizio Elettrico Nazionale, Sinergy, Sorgenia, A2A, Ajò energia, Hera, Illumia, Eni, Iren, Acea Energia e degli altri fornitori saranno uguali e confrontabili.

Se preferisci nel video guida sottostante ti mostriamo come leggere la tua bolletta della luce, altrimenti continua con la lettura. 

Conoscere le varie voci della bolletta luce e sapere il loro significato è fondamentale per essere consapevoli dei propri consumi e saper individuare offerte più vantaggiose, esse si dividono in due gruppi:

  • Importi fatturati, ovvero tutte le voci che compongono il costo totale della bolletta;
  • Dati di fornitura, relativi all'intestatario dell'utenza, al contatore e al contratto di fornitura.

Quali sono gli importi fatturati nella bolletta luce?

La sezione della bolletta luce di maggior interesse dei consumatori è quella relativa alle voci di spesa che solitamente vengono raggruppate e inserite in forma sintetica nelle prime pagine della fattura per poi approfondirle in quelle successive. Puoi trovare i principali importi fatturati nella bolletta della luce nella tabella che segue.

Importi fatturati nella bolletta luce

Spesa per la materia prima Energia

Comprende i costi (sia fissi che variabili) di tutte le attività sostenute dal fornitore nell'erogazione del servizio.

Spesa per il trasporto e la gestione del contatore

Costi relativi alla distribuzione dell'energia elettrica ed alla gestione e manutenzione del contatore.

Oneri di sistema

Costi per la copertura di spese delle attività di interesse generale come il sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili (Asos) ed i rimanenti oneri generali (Arim).

IVA e Accise

Imposte applicate al consumo energetico, nello specifico le accise si applicano ai consumi mentre l'IVA dipende dal tipo di utenza (domestica IVA 10%, non domestica IVA 22%)

La spesa per la materia prima energia è la principale nonché la più significativa voce in termini di costi della bolletta luce, essa infatti comprende i costi fissi o variabili dell'energia in base all'offerta, i costi fissi per il dispacciamento applicato a tutti i clienti e una quota fissa per la commercializzazione e vendita (CCV) del servizio di fornitura. Gli oneri di sistema invece compongono circa il 20% del costo della bolletta luce ma in seguito agli interventi governativi applicato dall'Autorità essi risultano azzerati per il III trimestre 2022.

Nel grafico sottostante puoi vedere il valore percentuale dell'incidenza di ciascuna voce nel costo totale della bolletta luce nel mercato di maggior tutela.

Canone Rai nella bolletta luce

Un altro dei costi fissi presenti nella bolletta dell'energia elettrica è il canone di abbonamento alla televisione per uso privato noto come Canone Rai, il quale impone il pagamento di 90€ all'anno per ogni famiglia che possiede almeno un apparecchio televisivo.

Sono esonerati dal pagamento del canone Rai:

  • Adulti over 75 con reddito basso;
  • Diplomatici e militari stranieri;
  • Cittadini che non possiedono apparecchi televisivi.

Ufficiale dal 2023 niente più Canone Rai in bolletta Il 13 Aprile 2022 è stato confermato lo stop al canone Rai nella bolletta della luce che a partire da gennaio 2023 verrà scorporato dalla bolletta della luce.

Voci non sempre presenti nella bolletta luce

Potresti trovare all'interno della tua bolletta della luce anche voci di costo o storni che non abbiamo citato. Questo tipo di voci possono apparire all'interno della tua fattura solamente in determinate situazioni:

  • Ricalcoli di bollette precedenti a credito o a debito di bollette precedenti;
  • Bonus sociale, presente solo se l'intestatario presenta la domanda per il Bonus Elettrico;
  • Altre partire, costi non ordinali legati ad operazioni di subentro e voltura, o la maturazione di interessi passivi derivanti da morosità (Cmor). 

Qual è il costo delle bollette luce?

Il costo medio della bolletta luce si è alzato molto nel corso del 2022 per via dell'ondata inflattiva e della crisi energetica, portando il costo medio delle bollette della luce fino a 120€/mese per una famiglia di 4 persone che abita in una casa di 100 m2 nel mese di novembre 2022.

Conoscere quindi le migliori offerte luce presenti sul mercato diventa fondamentale per confrontarle e risparmiare nella bolletta della luce, le trovi nella tabella sottostante.

💡Le migliori offerte di energia più convenienti del 21 giugno 2024

Fissa 12M
5 / 5  (5 voti)
Scade il 25/06/2030
45,3
€/mese 
5 / 5  (5 voti)

Offerta: FISSA 12M

Scade il 25/06/2030
Special 36 Luce
4,6 / 5  (77 voti)
Scade il 24/06/2030
47,5
€/mese 
4,6 / 5  (77 voti)
Sconto 36€ in bolletta.

Offerta: SPECIAL 36 LUCE

Sconto 36€ in bolletta.
Scade il 24/06/2030
Next Energy Sunlight Luce
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 27/06/2030
51,3
€/mese 
4,5 / 5  (118 voti)
60€ di sconto se aggiungi anche la fibra o il gas.

Offerta: NEXT ENERGY SUNLIGHT LUCE

60€ di sconto se aggiungi anche la fibra o il gas.
Scade il 27/06/2030
Next Energy Smart Luce
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 27/06/2030
51,6
€/mese 
4,5 / 5  (118 voti)
60€ di sconto se aggiungi anche la fibra o gas.

Offerta: NEXT ENERGY SMART LUCE

60€ di sconto se aggiungi anche la fibra o gas.
Scade il 27/06/2030

La bolletta mensile è calcolata con un consumo di 1800 kWh e include eventuali sconti previsti dall'offerta; per le tariffe indicizzate è usata una stima del prezzo PUN (luce) del prossimo anno pubblicato dall'Autorità.

Le offerte che vedi sono quelle più convenienti attive al momento che ti permettono di non ricevere una bolletta luce troppo alta. Gli importi mensili che vedi sono calcolati stimando un consumo di 1800 kWh/anno da parte di una famiglia di 3 persone. Se dovessi attivare una di queste offerte e avere esigenze di consumo diverse, il costo potrebbe variare ed essere minore o maggiore.

Costo medio kWh della bolletta luce

Ad oggi è difficile dare una cifra esatta sul costo medio al kWh della bolletta luce in quanto all'interno del mercato libero è presente una moltitudine di fornitori che offre offerte e promozioni diverse tra loro. Per quello che riguarda il costo medio al kWh delle bollette luce del mercato tutelato il costo medio al kWh è pari a 0,082 €/kWh.

Lettura del contatore: ottimizza le spese nella bolletta luce Conoscere i periodi per l'invio dell'autolettura e comunicarli al tuo fornitore con regolarità ti permetterà di pagare una bolletta della luce con importi fedeli ai tuoi consumi.

Costo della bolletta luce seconda casa

Il costo della bolletta luce nella seconda casa risulta più alta rispetto alla bolletta della prima casa. Questo accade per via dei costi fissi più elevati presenti nella fornitura della seconda casa. Per abbassare il costo della seconda casa (o bolletta da non residente) ci sono varie soluzioni tra cui:

  1. Abbassare la potenza del contatore;
  2. Prestare attenzione alla fascia di consumo se hai un contratto a prezzo variabile;
  3. Acquistare lampadine e elettrodomestici ad alta efficienza energetica;
  4. Disattivare la fornitura se si tratta di un immobile utilizzato solamente in determinati periodi;
  5. Cambiare offerta luce ⬇️.

Come risparmiare nella bolletta luce?

Ci sono diversi modi per risparmiare nella bolletta luce, il primo di questi è quello di fare attenzione al tipo di contratto sottoscritto, se infatti hai un contratto a tariffa variabile potresti decidere di concentrare i tuoi consumi prima delle 8 e dopo le 19 o nel fine settimana e nei giorni festivi in quanto in queste fasce orarie l'energia costa meno.

Se stai pagando grandi cifre per la tua bolletta luce potresti aver sottoscritto un contratto di fornitura svantaggioso, di conseguenza una soluzione efficace per risparmiare potrebbe essere quella di cambiare offerta luce con una più vantaggiosa.

Se invece ti trovi in situazione di disagio economico, sappi che ci sono dei bonus sociali per la luce che agevolano i nuclei familiari che rientrano in determinate caratteristiche quali:

  • ISEE inferiore 12.000€;
  • Nucleo familiare con 4 figli a carico o più e con ISEE inferiore a 20.000€;
  • Percettori di reddito o di pensione di cittadinanza.

Ogni quanto e dove arriva la bolletta luce?

La bolletta della luce dei fornitori del mercato libero generalmente arriva mensilmente o ogni due mesi ed è possibile riceverla tramite posta ordinaria, per email o via App, per i fornitori che offrono questo tipo di servizio (come Hera, Illumia, Eni, Iren e altri). Per gli utenti domestici la maggior parte dei fornitori sembra preferire una fatturazione bimestrale della luce e mensile per gli utenti business. Non ci sono particolari differenze tra una bolletta mensile o bimestrale, se non il prezzo più basso delle bollette mensili in quanto si rifanno sui consumi di uno anziché due mesi.

Alcuni fornitori offrono anche la possibilità di pagare la bolletta ogni tre mesi, come fa Enel per gli utenti di vecchia data ad esempio. Per conoscere la frequenza di fatturazione della bolletta luce di un fornitore prima di sottoscrivere l'offerta dovrai leggere le condizioni del contratto di fornitura.

Leggi le specifiche delle bollette di ogni fornitore:

Come pagare la bolletta luce?

  • I principali metodi di pagamento della bolletta luce nel mercato libero sono:
  • Bollettino postale;
  • Domiciliazione Bancaria IBAN (Pagamento RID), modalità automatica di pagamento delle bollette collegata al conto bancario in cui ricevi la fattura 20 giorni prima;
  • Home Banking, simile al RID ma bisogna confermare il pagamento tramite l'area clienti della banca;
  • Carta di credito o prepagata, alcuni fornitori danno la possibilità di inserire come metodo di pagamento della bolletta una carta prepagata (ad esempio Poste Pay);
  • Applicazione mobile del fornitore, quasi tutti i fornitori che mettono a disposizione un'applicazione permettono il pagamento tramite quest'ultima.

Molti fornitori per incentivare il pagamento elettronico delle fatture della luce offrono sconti ad hoc per gli utenti che scelgono questa tipologia di pagamento.

Come rateizzare una bolletta luce?

L'utente ha 30 giorni di tempo per richiedere la rateizzazione di una bolletta, oltre questo periodo il fornitore è libero di non concedere questo servizio. Inoltre il cliente ha diritto di pagare una bolletta a rate se:

  • Il costo della bolletta e superiore al doppio della fatturazione media;
  • Il contatore si rompe e il venditore chiede il pagamento dei consumi effettuati ma non registrati;
  • Il fornitore chiede un conguaglio di una o più mancate letture.

All'interno del mercato libero i fornitori luce e gas non sono costretti a concedere la rateizzazione della bolletta, al contrario di quanto avviene nel mercato di maggior tutela. Sulla bolletta viene sempre indicato se è possibile rateizzarla o meno, ma sappi che anche se non ci fosse questa possibilità, molti fornitori tendono a concedere questa soluzione anche se non è prevista.

Cosa succede se non pago la Bolletta luce?

Una bolletta luce non pagata è una bolletta morosa. Se ti dovessi trovare nella situazione di non riuscire a pagare la bolletta della luce sappi che il venditore per tutelarsi ha il diritto di inviare un sollecito, diminuire la potenza del contatore e nel caso la bolletta morosa non sia saldata, può anche interrompere la fornitura.

I fornitori del mercato libero in genere concedono un margine di 2-3 giorni successivi al termine ultimo per pagare la fattura indicato all'interno della prima pagina, se dopo questo periodo di tolleranza la bolletta non viene saldata, il fornitore potrà inviare un sollecito di pagamento. Se la bolletta continua ad essere morosa il fornitore invierà una raccomandata con il termine ultimo per pagare la fattura prima che la fornitura venga interrotta

Dopo quanto staccano la corrente? L'interruzione della fornitura deve essere superiore a 20 giorni dall'emissione della raccomandata e superiore a 15 giorni dall'invio della stessa.

Differenza tra consumi stimati, fatturati e rilevati

Comprendere la differenza tra consumi stimati, rilevati e fatturati può rendere più chiaro il perché sia utile fare l'autolettura dei tuoi consumi.

I consumi rilevati indicano l'ammontare di kWh che sono stati consumati in un determinato periodo di tempo e corrisponde alla differenza tra le due autoletture. I consumi stimati invece vengono calcolati dal fornitore in caso non abbia a disposizione i consumi effettivi, mentre i consumi fatturati corrispondono all'ammontare di kWh che vengono addebitati nella bolletta luce dell'utente.