PUN Energia: Significato, Quotazione Attuale, Previsioni

Info luce gasInfo contatori luce gas

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Risparmia oltre 888 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

02 947 587 72 O Fatti richiamare
Servizio gratuito valutato valutato 4.8
Più info
Info luce gasInfo contatori luce gas

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Risparmia oltre 888 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Prendi appuntamento
Servizio gratuito valutato valutato 4.8
Più info
pun significato
cos'è il PUN delle Offerte a Prezzo Indicizzato Luce

Visti i recenti rincari che hanno caratterizzato le bollette della luce, è importante sapere quali sono i fattori che determinano l'andamento del mercato dell'energia elettrica, a partire dalla definizione del PUN. Continua a leggere per scoprire qual è la quotazione attuale del PUN, quali sono i possibili scenari futuri e come funziona il mercato elettrico italiano.


Cos'è il PUN?

PUN è l'acronimo di Prezzo Unico Nazionale e si riferisce alla media pesata dei prezzi di vendita dell'energia elettrica in Italia, tenendo conto delle contrattazioni che avvengono nelle diverse aree del paese, in ogni giorno ed ora. Di fatto, il PUN non è altro che il prezzo dell'energia elettrica all'ingrosso. È espresso in euro/MWk.

In che modo il PUN condiziona il costo delle bollette della luce?

In base al valore del PUN avvengono le compravendite tra chi produce energia e chi la acquista per poi rivenderla agli utenti finali (i fornitori). Si intuisce facilmente come l'andamento del prezzo del PUN arrivi ad incidere sui costi che vengono fatturati in bolletta ai consumatori.

Se, infatti, il PUN cresce, i fornitori acquistano la materia prima ad un prezzo più elevato e, di conseguenza, per non erodere i loro margini di guadagno, sono costretti a vendere l'energia a costi maggiori. Accade tendenzialmente il contrario quando il PUN diminuisce, in quanto i fornitori acquistano l'energia ad un prezzo minore e possono, dunque, rivenderla a condizioni economiche più favorevoli per il cliente finale.

PUN e tariffe luce a prezzo fisso o indicizzato C'è una precisazione importante da fare. Il PUN arriva a condizionare principalmente le bollette con contratti a prezzo indicizzato. Infatti, in caso di prezzo fisso, la tariffa viene bloccata per un determinato arco temporale, solitamente uno o due anni e, quindi, oscillazioni del PUN verso l'alto o verso il basso non comportano variazioni rispetto al prezzo che pagherai per l'energia. 

Di contro, le tariffe basate su prezzo indicizzato sono strettamente legate all'andamento del PUN e, dunque, da un periodo di fatturazione all'altro non è così assurdo notare l'aumento o la diminuzione dei costi in bolletta, a parità di consumi.

È un po' lo stesso meccanismo che si verifica nel mercato dei mutui immobiliari. Quando ti appresti a sottoscrivere un mutuo, la banca ti chiederà se ti interessa un contratto con tasso d'interesse fisso (basato sull'andamento dell'Eurirs) o variabile (basato sull'andamento dell'Euribor).

Nel primo caso, avrai la certezza di pagare la stessa rata per tutta la durata del finanziamento. Nel secondo, la rata mensile avrà tendenzialmente un importo sempre differente, più basso in caso di calo dei tassi, più alto nel caso contrario.

Nel settore dell'energia elettrica, la logica è la medesima, con dinamiche ovviamente differenti, condizionate anche dalle scelte dei fornitori. Infatti, nel periodo storico di forti rincari che stiamo attraversando e vista anche il momento geopolitico di forte incertezza, gran parte delle compagnie tende a proporre tariffe con prezzo indicizzato.

PUN: qual è la sua Quotazione attuale?

Ottenere una quotazione precisa del PUN non è affatto semplice, in quanto il suo valore può cambiare di ora in ora nell'arco di una giornata. Bisogna, infatti, considerare che il valore del PUN mensile rappresenta una media delle varie rilevazioni effettuate nei giorni che compongono il mese e nelle ore che caratterizzano qualsiasi giornata.

Per giunta, è proprio a partire dal PUN medio mensile che le compagnie luce calcolano i costi in bolletta delle tariffe a prezzo variabile. Al valore del PUN medio mensile va aggiunto uno spread che coincide con il margine di ricavo applicato dal venditore di energia elettrica.

Essendo ancora in corso il mese di Settembre 2022, il dato relativo al PUN è assolutamente parziale e non definitivo. Affinché sia possibile ottenere la media aritmetica del PUN è necessario attendere la fine di questo mese. Un discorso che, ovviamente, vale per tutti i giorni o mesi dell'anno nei quali si effettua la rilevazione. Alla data del 16 settembre 2022, il PUN è pari a 0,484 €/kWh.

Per avere un quadro più chiaro del trend che caratterizza il PUN in questa delicata fase storica che stiamo attraversando, è importante osservare il valore del Prezzo Unico Nazionale dall'inizio del 2022 fino ad agosto.

Il prezzo medio del PUN in €/kWh nel 2022
Anno 2022 Costo Medio mensile (€/kWh)
PUN ottobre
Aggiornato al 31/10
0,276
PUN settembre 0,484
PUN agosto 0,543
PUN luglio 0,444
PUN giugno 0,271
PUN maggio 0,230
PUN aprile 0,246
PUN marzo 0,308
PUN febbraio 0,211
PUN gennaio 0,224

Fonte: Elaborazione dati ARERA.

Il dato che abbiamo visto poc'anzi è una media che si riferisce alle tariffe monorarie. In realtà, gran parte degli utenti oggi si ritrova in bolletta una tariffa di tipo bioraria, nella quale il costo dell'energia elettrica cambia a seconda della fascia oraria di consumo.

In maniera molto sintetica, esistono tre fasce di consumo:

  1. F1, fascia delle ore di punta, attiva dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 19.00, eccezion fatta per le festività nazionali.;
  2. F2, fascia delle ore intermedie, attiva dal lunedì al venerdì, dalle ore 7:00 alle ore 8:00 e dalle ore 19:00 alle ore 23:00 ed il sabato dalle ore 7:00 alle ore 23:00. Sono esclusi i giorni contrassegnati come festività nazionali;
  3. F3, fascia delle ore non di punta, attiva dal lunedì al sabato dalle ore 00.00 alle ore 7.00 e dalle ore 23.00 alle ore 24.00 mentre la domenica e nei giorni festivi è attiva h24.

In verità, oggi si ricorre molto spesso, specie per i clienti domestici, anche alla fascia F23 che comprende le ore racchiuse sia nella fascia F2 che in quella F3. Essa, dunque, può entrare in funzione dalle 19:00 alle 8:00 dal lunedì al venerdì, h24 il sabato, la domenica e i giorni festivi.

Abbiamo preparato una tabella, al cui interno sono evidenziati i valori del PUN da gennaio 2022 ad agosto 2022, suddivisi per fasce di consumo.

Il prezzo medio del PUN in €/kWh da gennaio ad agosto 2022 per le Fasce F1, F2, F3 ed F23.
Anno 2022 Costo Medio mensile F1
(€/kWh)
Costo Medio mensile F2
(€/kWh)
Costo Medio mensile F3
(€/kWh)
Costo Medio mensile F23
(€/kWh)
PUN agosto 0,553 0,602 0,503 0,549
PUN luglio 0,495 0,473 0,386 0,426
PUN giugno 0,297 0,293 0,241 0,265
PUN maggio 0,237 0,253 0,212 0,231
PUN aprile 0,256 0,266 0,228 0,246
PUN marzo 0,320 0,329 0,286 0,305
PUN febbraio 0,224 0,225 0,193 0,208
PUN gennaio 0,257 0,242 0,196 0,217

Fonte: A2A Energia.

PUN storico: com'è cambiato il prezzo negli ultimi anni?

Il Prezzo del PUN negli ultimi anni è cambiato molto, anche a causa degli eventi che hanno colpito il mondo, come la diffusione della pandemia da Covid-19 e lo scoppio della guerra in Ucraina. Certo, non sono solo questi gli aspetti che hanno influito sull'aumento dei prezzi.

In primo luogo, va considerata la forte dipendenza del mercato dell'energia elettrica da quello del gas. Una delle ragioni dell'aumento del valore del PUN sta nell'impennata verso l'alto del prezzo del gas. Ciò in quanto per produrre buona parte dell'energia vengono utilizzate centrali alimentate a gas.

Va, inoltre, tenuto conto del fatto che il costo delle bollette della luce per gli italiani è condizionato non soltanto dal prezzo della materia prima ma anche dalle spese per il trasporto, imposte ed oneri di sistema. Allo stesso tempo, però, è importante sottolineare che la componente che incide di più sugli importi finali fatturati dalle compagnie è proprio l'acquisto della materia prima.

Andiamo, dunque, a vedere come si è comportato il PUN nel 2021, anno in cui, soprattutto a partire dalla stagione autunnale, sono cominciati i primi rilevanti rincari.

Il prezzo medio del PUN in €/kWh nell'anno 2021
Anno 2021 Costo Medio mensile (€/kWh)
PUN dicembre 0,281
PUN novembre 0,225
PUN ottobre 0,217
PUN settembre 0,158
PUN agosto 0,112
PUN luglio 0,102
PUN giugno 0,084
PUN maggio 0,069
PUN aprile 0,069
PUN marzo 0,060
PUN febbraio 0,056
PUN gennaio 0,060

Affinché l'argomento PUN possa essere compreso a pieno, è doverosa una riflessione sulla stagionalità dei consumi di energia elettrica. Non bisogna dimenticare che anche il settore dell'energia elettrica è soggetto alle leggi della domanda e dell'offerta.

Sappiamo bene che il fabbisogno di energia elettrica non è identico per tutti i periodi dell'anno. Ad esempio, nel periodo invernale bisogna fare i conti con la luce solare che è disponibile per poche ore al giorno e che, dunque, induce ad un maggior consumo di energia. Se a ciò si aggiunge l'impiego dell'energia anche per finalità di riscaldamento allora si intuisce facilmente quanto possa aumentare la domanda energetica nel periodo invernale.

Anche la stagione estiva non è esente da consumi piuttosto alti di energia. È vero che la luce solare la fa da padrone per gran parte della giornata ma temperature troppo calde ed afose possono indurre gli utenti ad un maggiore impiego dei servizi di condizionamento, in genere molto dispendiosi sotto il profilo energetico.

Completiamo il quadro relativo alla quotazione storica del PUN, andando a vedere come si sono mossi i prezzi nel 2020, anno dell'emergenza sanitaria mondiale e del lockdown, causate dalla diffusione del Coronavirus.

Il prezzo medio del PUN in €/kWh nell'anno 2020
Anno 2020 Costo Medio mensile
(€/kWh)
PUN dicembre 0,054
PUN novembre 0,048
PUN ottobre 0,043
PUN settembre 0,048
PUN agosto 0,040
PUN luglio 0,038
PUN giugno 0,028
PUN maggio 0,021
PUN aprile 0,024
PUN marzo 0,031
PUN febbraio 0,039
PUN gennaio 0,047

Previsioni future PUN

Vista la grande incertezza che caratterizza il quadro geopolitico internazionale, in questo momento fare previsioni future sul PUN non è molto semplice. Le stime degli esperti sono sicuramente al rialzo, nel senso che si prevede un aumento del valore del Prezzo Unico Nazionale da qui al 2030.

Le ragioni sono diverse. In primis, l'interdipendenza tra il mercato del gas e quello dell'energia elettrica suggerisce che il probabile aumento del costo del gas possa provocare le stesse conseguenza anche al comparto energetico. 

Si ipotizza che le bollette della luce possano aumentare e che possano essere coinvolti dai rincari anche i costi di rete che andranno sostenuti per la distribuzione dell'energia e per il potenziamento della trasmissione. Ciò al netto della diminuzione degli oneri di sistema, attivi fino al 2030 e che riguardano gli incentivi destinati alla realizzazione degli impianti rinnovabili.

Come funziona il Mercato Elettrico Italiano?

Sul finire degli anni '90 è cominciata la liberalizzazione del mercato elettrico che, di fatto, ha posto fine al monopolio di Enel, società che operava nelle diverse fasi della filiera elettrica, dalla produzione fino alla vendita.

La gestione del mercato elettrico italiano oggi è affidata al GME, Gestore dei Mercati Energetici. Tale società ha l'obbligo non soltanto di agire in base a criteri di trasparenza, obiettività ma, soprattutto, ha il compito di organizzare la borsa elettrica.

Cos'è la Borsa Elettrica? Si tratta di una sorta di piazza virtuale, in cui quotidianamente avviene l'incontro tra produttori ed acquirenti per le operazioni di compravendita dell'energia elettrica. Pur non essendo obbligatoria, la Borsa Elettrica si rivela uno strumento molto importante ai fini dello sviluppo di un mercato concorrenziale.

Ecco come è articolato il mercato dell'energia elettrica:

  • Mercato Elettrico a Pronti dell'Energia (a sua volta suddiviso in Mercato del Giorno Prima, Mercato Infragiornaliero e Mercato per il servizio di Dispacciamento);
  • Mercato a termine dell'Energia.

Mercato a Pronti

Abbiamo, dunque, visto come il mercato a pronti, detto anche mercato Spot, sia organizzato in tre ulteriori mercati. Il Mercato del Giorno Prima (MGP) prevede la possibilità di incontro tra produttori, grossisti e clienti finali per le operazioni di compravendita di energia per il giorno dopo. 

Tra i mercati Spot, il Mercato del Giorno Prima è quello che esercita il peso maggiore, se consideriamo che circa il 75% delle vendite all'ingrosso di energia elettrica transita proprio per l'MGP.

Il Mercato Infragiornaliero (MI) consente agli operatori di aggiustare i programmi determinatisi nell'MGP. È strutturato in 4 sessioni, le quali prendono il via alla scadenza del mercato del giorno prima e si protraggono fino a qualche ora prima del tempo reale.

Infine, Abbiamo il Mercato per i servizi di Dispacciamento (MSD), nel quale la società Terna S.p.a, responsabile della gestione della rete, acquista l'energia necessaria per la sicurezza dell'intero sistema e per bilanciare in tempo reale prelievi ed immissioni.

Mercato a Termine

Nel Mercato a termine dell'Energia (MTE) vengono, invece, negoziati contratti a termine dell'energia elettrica, per i quali vige l'obbligo di consegna e ritiro.

Aggiornato in data