Servizio Tutele Graduali: cosa è, quanto dura, conviene?

Aggiornato in data
min. di lettura
Info luce gasInfo contatori luce gas

Fine Mercato Tutelato 1 luglio 2024 per la Luce!

Non sai cosa fare? Ti aiutiamo noi! Il servizio è gratuito e senza impegno.

02 947 587 72 O Fatti richiamare gratis      
Servizio gratuito valutato valutato 4.8
Info
chiusura mercato tutelatochiusura mercato tutelato

Fine Mercato Tutelato 10 gennaio per il gas e il 1° aprile 2024 per la luce!

Non sai cosa fare? Ti aiutiamo noi! Il servizio è gratuito e senza impegno.

Fatti richiamare gratis      
Servizio gratuito valutato valutato 4.8
Più info
ragazza capisce come funziona il servizio tutele graduali
STG, Servizio a Tutele Graduali ha inizio quando chiude il Mercato Tutelato. È obbligatorio? Sì se non decidi di passare al Mercato Libero!

Il Servizio a Tutele Graduali nasce per agevolare il passaggio di utenti e aziende dal mercato tutelato al mercato libero. È ormai noto che entro il 2024 anche gli utenti domestici devono eseguire questa transizione, ma sono ancora in pochi a capire davvero come funziona e se conviene. In questa guida ti spiegheremo tutto quello che c'è da sapere sull'argomento segnalando anche le migliori offerte di gas e luce dei fornitori del mercato libero.

Servizio Tutele graduali: cos'è e cosa significa?

Cominciamo facendo un po' di chiarezza e partendo proprio dal significato. Il Servizio Tutele Graduali (sigla: STG) è un sistema che garantisce la continuità della fornitura di energia ai clienti del mercato tutelato dopo la sua chiusura. L'STG serve ad accompagnare i consumatori, privati o aziende, nella transizione dal mercato tutelato al mercato libero.

Come vedremo, questo passaggio ha delle scadenze precise in relazione alla tipologia di utenza, ma in Italia è comunque un passaggio obbligatorio entro il prossimo anno. Infatti, la fine del mercato tutelato è stata fissata al 10 gennaio 2024. Il sistema è stato predisposto da ARERA che fornisce linee guida e scadenze delle transizioni. È stato concepito come un servizio di salvaguardia per i consumatori che si trovano a dover passare da un mercato all'altro.

Da chi è gestito il Servizio Tutele Graduali? La gestione del servizio è affidata a AREA ovvero l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente che svolge attività di regolazione e controllo nei settori dell'energia elettrica, del gas naturale, dei servizi idrici, del ciclo dei rifiuti e del telecalore. Si tratta di un'autorità amministrativa indipendente, istituita nel 1995 con lo scopo di tutelare gli interessi dei consumatori e di stabilire le linee guida per i fornitori. Se vuoi approfondire, puoi consultare anche il sito ufficiale di ARERA

Servizio a Tutele graduali: come funziona?

Come abbiamo già detto, il Servizio a Tutele graduali ha come scopo principale quello di  accompagnare i consumatori nella transizione da mercato tutelato a mercato libero. Il servizio si attiva per tutti i clienti che entro le date prestabilite dall'autorità competente (consultale nei prossimi paragrafi) non hanno ancora effettuato il passaggio ad un fornitore del mercato libero.

Ma come funziona? Quando un cliente (utenza domestica o imprese) entra nel Sistema Tutele graduali gli vengono assegnate delle utenze e dei fornitori scelti dopo una procedura concorsuale. Il cliente non può scegliere in autonomia la tariffa alla quale aderire e non sempre quelle applicate dall'ente sono le più vantaggiose in termini economici.

Quando un fornitore viene assegnato a una serie di clienti per ambito territoriale deve inviare una comunicazione con le seguenti informazioni:

  • riferimenti dell'esercente (sito web e contatti);
  • motivo e data di attivazione del servizio e le condizioni di erogazione;
  • modalità di spedizione delle bollette;
  • diritto di recesso dal contratto;
  • riferimenti al Portale Offerte e allo Sportello per il consumatore Energia e Ambiente.

Ci sarà un'interruzione della corrente o del gas durante il passaggio? No! Durante il passaggio al Servizio a Tutele graduali o al mercato libero non subirai nessuna interruzione del servizio. La fornitura di luce e gas è sempre garantita per tutto il periodo di transizione e non avrai nessun disservizio.

Il passaggio non è improvviso, tutto avviene seguendo un determinato percorso che potremmo dividere in due fasi distinte.

La prima fase è quella di assegnazione provvisoria. In questa fase la fornitura viene erogata ancora dagli operatori del mercato tutelato, come Servizio elettrico Nazionale, e le bollette continuano ad essere emesse dalla vecchia azienda.

La seconda fase consiste nell'assegnazione del fornitore che vince il bando (quando un fornitore vince l'assegnazione ha una durata di tre anni). Il fornitore cambia e non è più quello vecchio ad emettere le bollette. In questa fase, chi ancora non è passato al mercato libero viene assegnato all' operatore del Servizio a Tutele Graduali che si è aggiudicato il contratto a livello territoriale tramite un concorso. Le tariffe applicate sono quelle PLACET, vediamo subito cosa significa e come vengono calcolate.

Come vengono calcolate le tariffe?

Le tariffe che vengono assegnate tramite questo sistema prendono il nome di PLACET, cioè Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela. L'aspetto che più preoccupa i consumatori è che queste tariffe non vengono mai bloccate ma seguono le oscillazioni del mercato e possono scendere e salire in base alla tendenza, così come succede per le tariffe stabilite da Arera. Il prezzo finale pagato dai consumatori si compone di tre fattori:

  1. Spesa per la materia energia: costi di approvvigionamento (prezzo variabile dell'energia elettrica calcolato su valori consuntivi del prezzo all'ingrosso (PUN ex post) e costo del dispacciamento) + livello base dei costi di sbilanciamento + prezzo unico nazionale determinato sulla base dei prezzi di aggiudicazione delle aste
  2. Spesa per il trasporto e la gestione del contatore
  3. Spesa per oneri di sistema

Servizio tutele graduali: date da ricordare

Il passaggio al Servizio Tutele graduali è d'obbligo per chiunque non sia migrato al mercato libero entro determinate scadenze. Le date sono stabilite in relazione alla tipologia di utenza e le trovi indicate tutte nella tabella sottostante. Come vedrai per alcuni il passaggio è già avvenuto, nel 2024 si attende quello più consistente che riguarda i privati e le utenze domestiche. 

Date Servizio Tutele Graduali per tipologia di utenza
UTENZA e REQUISITIDATA
Azienda o PMI: 10/50 dipendenti; fatturato annuo 2/10 milioni di euroGennaio 2021
Microimprese: meno di 10 dipendenti o con fatturato che non supera i 2 milioni di euro1 Aprile 2023
Utenti domestici: famiglie, singoli, associazioni e condomini10 Gennaio 2024

Per il 2024 si prevede, quindi, il passaggio al mercato libero di tutte le utenze domestiche. Infatti, già in moltissimi hanno fatto questa scelta senza aspettare la scadenza proprio per non  rientrare nel Servizio a Tutele graduali, in generale considerato poco conveniente. 

Servizio Tutele Graduali clienti domestici “non vulnerabili”

ARERA ha annunciato nuove disposizioni in merito al Servizio Tutele graduali per clienti "non vulnerabili" che usufruiscono di fornitura domestica. Rispetto alle aziende, come abbiamo già visto, le utenze domestiche hanno tempi  diversi nel passaggio dal mercato tutelato al libero e le ultime novità sembrano ridefinire queste tempistiche. Infatti, alle piccole imprese è già stato applicato da gennaio 2021 e alle microimprese da gennaio 2023 mentre per gli utenti domestici si prevede come data gennaio 2024. Ma ci sono delle novità!

Il 4 agosto 2023, in relazione a quanto previsto dal decreto del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica del 17 maggio 2023 (Misure per l'ingresso consapevole dei clienti finali nel mercato libero), l'ARERA a disposto le regole per l'assegnazione del Servizio Tutele Graduali ai clienti domestici non vulnerabili.

Al fine di selezionare i fornitori che provvederanno a garantire il Servizio Tutele Graduali ai clienti non vulnerabili, si terranno delle aste con sistema a turno unico, a busta chiusa, per tutte le 26 aree in cui è stata divisa l'Italia (ogni area ha in media 220 mila unità). Se qualche zona dovesse rimanere non assegnata, si procederà con un'asta di riparazione. Il Servizio a Tutele Graduali, come per tutte le altre tipologie di utenza, avrà una durata limitata a 3 anni.

Cosa si intende per clienti domestici "non vulnerabili"? I clienti non vulnerabili nell'ambito della fornitura energetica sono tutti quei clienti senza particolari esigenze, quindi la maggioranza dei consumatori. Per capire meglio la differenza, è importante sapere che, invece, i clienti "vulnerabili" sono: utenti con un'età superiore ai 75 anni; utenti in condizioni economiche di svantaggio; utenti che versano in gravi condizioni di salute e con patologie che richiedono l'utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche salvavita alimentate dall'energia elettrica; utenti con disabilità ai sensi della legge 104/92; utenti residenti in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi e, infine, utenti che risiedono in un'isola minore non interconnessa. (definizione ai sensi del decreto legislativo 210/2)

I clienti vulnerabili rimarranno temporaneamente con il servizio di maggior tutela. Solo dopo nuove disposizioni dell'ARERA si procederà anche con questa categoria di utenti.

Come sapere se si è clienti vulnerabili o non vulnerabili? Verrà indicato in bolletta. Infatti, la compagnia che fornisce energia nell'ambito della maggior tutela dovrà allegare ad almeno due bollette (tra settembre 2023 e marzo 2024) una specifica informativa, distinguendo tra clienti vulnerabili e clienti non vulnerabili. A tutti i clienti non vulnerabili verrà comunque evidenziato il cambio di fornitore indicando quello che è stato selezionato tramite l'asta.

Servizio a tutele graduali per Aziende e PMI: i fornitori

I fornitori indicati nella tabella sono assegnatari del servizio per le Aziende e PMI che non sono passate al mercato libero dal 1 luglio 2021 al 30 giugno 2024.

FornitoreArea territoriale
Axpo ItaliaPiemonte, Emilia-Romagna
Iren MercatoFriuli-Venezia Giulia, Valle d'Aosta, Puglia, Toscana e Comune di Milano
Hera COMMCampania, Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna
A2A EnergiaLazio, Lombardia, Veneto, Liguria, Trentino

Fonte: Sito Ufficiale di ARERA

Servizio a tutele graduali per le microimprese: i fornitori

Nella tabella di seguito, invece, troverai i fornitori che hanno vinto l'assegnazione per erogare il servizio alle microimprese che ancora non sono passate al mercato libero dall'1 aprile 2023 al 31 marzo 2027.

FornitoreArea territoriale
Hera Comm S.p.A.Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, Belluno, Venezia, Verona
Sorgenia S.p.A.Bologna, Modena, Piacenza, Padova, Parma, Reggio- Emilia, Rovigo, Treviso, Vicenza
A2A Energia S.p.A.Abruzzo, Marche, Umbria, Forlì-Cesena, Ferrara, Ravenna, Rimini
Sorgenia S.p.A.Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Milano escluso comune di Milano, Mantova,Sondrio
Sorgenia S.p.A.Valle d'Aosta, Alessandria, Asti, Como, Monza-Brianza, comune di Milano, Novara,Pavia, Varese, Verbania,Vercelli
AGSM AIM Energia S.p.A.Liguria, Biella, Cuneo, Torino
Illumia S.p.A.Arezzo, Firenze, Latina, Prato, Rieti, Roma escluso comune di Roma, Siena, Viterbo
A2A Energia S.p.A.Molise, Frosinone, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa- Carrara, Pisa, Pistoia, comune di Roma
Estra Energie S.p.A.Basilicata, Calabria, Bari, Taranto
A2A Energia S.p.A.Sardegna, Caserta, Napoli escluso comune di Napoli
Acea Energia S.p.A.Avellino, Barletta-Andria, Benevento, Brindisi, Trani, Foggia, Lecce, comune di Napoli, Salerno
A2A Energia S.p.A.Sicilia

Fonte: Sito Ufficiale di ARERA

Mercato libero e tutelato: le differenze

Dato che entro il 2024 anche tutti i clienti di utenza domestica dovranno passare al mercato libero, è importante capire quali sono le differenze con il mercato tutelato che per tanti anni ha dominato la scena della fornitura di energia in Italia.

Partiamo con ordine. Dopo la riforma del 2007 sono stati stabiliti due regimi differenti nel mercato della fornitura energica: il mercato di maggior tutela e il mercato libero. Nell'ambito del mercato di maggior tutela le condizioni economiche dei contratti sono fissate dall'autorità competente e ai consumatori vengono imposte tariffe calibrate ogni tre mesi in base al valore di mercato. Questo processo ha dovuto però lasciare spazio alla liberalizzazione del mercato dell'energia che, anche se ancora spaventa molti consumatori, prevede sicuramente dei maggiori benefici soprattutto in termini economici. Vediamo le principali differenze tra mercato libero e tutelato: 

Mercato Libero VS Mercato Tutelato
Mercato LiberoMercato Tutelato
💰 Prezzo variabile e offerte stabilite dal fornitore💰 Prezzo fisso per tutti e tariffe stabilite dall'ARERA
🤓 Possibilità di scelta tra tantissime offerte vantaggiose🤓 La tariffa imposta è uguale per tutti i fornitori
🤝 Possibilità di scelta sia del fornitore che della tariffa🤝 Possibilità di scelta solo del fornitore mentre la tariffa viene imposta da ARERA
👍 Controllo garantito dall'Antitrust👍 Controllo garantito dall'ente ARERA

Queste erano le principali differenze tra le due realtà. Considera che la fine del mercato di maggior tutela e, di conseguenza, quello del servizio a tutele graduali è prevista per l'inizio del 2024. Entro questa data ti consigliamo di verificare la tua situazione prima che il passaggio al mercato libero sia obbligatorio. Se ti stai chiedendo cosa comporterà, proviamo a chiarire qualsiasi dubbio nel prossimo paragrafo partendo proprio dal capire se conviene rientrare nel servizio tutele graduali o se è meglio passare subito al mercato libero.

Servizio Tutele graduali: conviene? I costi e le offerte

Nel Servizio a Tutele Graduali,  come abbiamo già specificato, vengono applicate offerte PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela) e i prezzi sono generalmente più alti rispetto alle offerte proposte dei vari fornitori del mercato libero. Il costo di trasporto e le altre spese rimangono invariate ma il costo della materia prima, che è quello che impatta molto sul totale della bolletta, può variare. Il mercato libero è spesso più vantaggioso anche perché i consumatori possono accedere a bonus, sconti, offerte e benefici.

Ma come mai nel mercato libero l'energia costa meno? In realtà non è sempre così ma bisogna valutare bene le varie offerte e essendo liberi di scegliere il fornitore sarà sicuramente più semplice trovare tariffe vantaggiose. Il nostro consiglio è quello di evitare l'applicazione del sistema del Servizio a Tutele graduali e eseguire direttamente il passaggio al mercato libero senza troppi indugi.

L'unica cosa che dovrai fare è scegliere il fornitore e l'offerta più adatta a te o alla tua azienda. Nella tabella in basso trovi le migliori offerte di luce e gas nel mercato libero sempre aggiornate:

Offerte Luce e Gas scelte da Selectra: la classifica delle tariffe più convenienti Sabato 24 Febbraio 2024
ClassificaOfferta Luce GasAttivazione
sorgenia 
Sorgenia Next Energy Sunlight
Tariffa indicizzata
Luce: 46,8€
Gas: 80€
02 947 587 72 Attiva Online Attiva Online
nen
NeN Special 48
Tariffa Prezzo Fisso
Luce: 49,5€
Gas: 85,2€
Attiva online Attiva online
offerte eni gas e luce


Eni Plenitude Trend Casa

Prezzo Indicizzato
Luce: 51,7 €
Gas: 83,4 €
02 947 587 72 Attiva Online Attiva Online

*La spesa mensile è stata calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Ricorda che passaggio al mercato libero è sempre gratuito e non prevede alcun costo aggiuntivo, anzi, aiuta i consumatori a risparmiare sulla bolletta.

Se vuoi avere più informazioni sul passaggio al mercato libero e sulle offerte, non esitare a contattarci, un nostro esperto sarà a tua disposizione: 02 947 587 7202 947 587 72 Fatti Richiamare