Conviene passare al mercato libero? La Guida Completa

Aggiornato in data
min. di lettura

Cambia fornitore prima della fine del Mercato Tutelato!

Cambia fornitore prima della fine del Mercato Tutelato!

libero mercato luce gas
È conveniente passare al mercato libero? Confronto con mercato tutelato e opinioni

Il mercato libero risulta senza dubbi più conveniente di quello tutelato. In questa guida trovi tutte le informazioni utili sulla fine del mercato tutelato, sui vantaggi del mercato libero, sulle differenze tra i due e come fare il passaggio.

Cosa conviene: mercato libero o maggior tutela?

Da quando è stato annunciato il termine per la fine del mercato tutelato, sempre più utenti si chiedono se conviene passare al mercato libero adesso, senza aspettare la data prefissata. Per le utenze business e per le aziende questo termine è già stato superato a gennaio 2021, mentre per le forniture domestiche la data fissata al momento è a luglio 2024.

Sicuramente per capire quanto conviene passare al mercato libero dell'energia elettrica e del gas, può essere molto utile analizzare le differenze tra questi due sistemi. Infatti il mercato libero e quello tutelato hanno caratteristiche molto differenti, che possono adattarsi alle diverse esigenze del consumatore. Ecco perciò sintetizzate le principali differenze.

Differenza tra mercato libero e tutelato
MERCATO LIBEROMERCATO TUTELATO
Ampia scelta di offerte diverse tra loroTariffe identiche proposte da diversi fornitori
È il fornitore luce e gas che definisce costi e condizioni contrattualiÈ l’ARERA, cioè l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, a definire il prezzo da applicare a tutti i fornitori del mercato tutelato
Le offerte luce e gas sono personalizzabili con sconti, promozioni, concorsi e omaggiLe tariffe sono le stesse per tutti i fornitori, quindi non possono essere modificate
Il gestore può proporre molti servizi extra a pagamento o inclusi, come l’area clienti, l’app, il controllo dei consumi, le lampadine in omaggioIl fornitore può mettere a disposizione l’area clienti
Il settore è altamente competitivo e il cliente sceglie il fornitore e la promozioneNon c'è concorrenza tra i fornitori, il prezzo è lo stesso per tutti e non è possibile applicare alcuno sconto o promozione sulle tariffe luce e gas.

Come passare al mercato libero? Prima di effettuare il passaggio al mercato libero da quello tutelato confronta le migliori offerte luce e gas dei singoli fornitori per trovare l’alternativa più adeguata alle tue esigenze e alle tue abitudini di consumo. Nel farlo presta attenzione al costo della materia energia, ma considera anche gli extra garantiti come omaggi, sconti e promozioni!

Fine mercato tutelato: quand’è?

La fine del mercato tutelato per le utenze domestiche è prevista per luglio 2024. In realtà questo procedimento di liberalizzazione del settore energetico ha origini piuttosto lontane, con il Decreto Bersani del 1999 (o Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999) che ha introdotto il principio di libera concorrenza.

Quando si passerà al mercato libero gli utenti che non ne fanno ancora parte dovranno cambiare fornitore luce e gas, Il termine ultimo per farlo è fissato per luglio 2024.

Il tempo che rimane può essere utile agli utenti per approfondire l’argomento, capire quanto conviene il mercato libero del gas e scegliere l’alternativa più adatta alle proprie esigenze.

Le imprese invece hanno dovuto effettuare il cambio fornitore già entro gennaio 2021. Questo termine è previsto per le realtà che vantano tra i 10 e i 50 dipendenti e un fatturato da 2 e 10 milioni di €.

Perché si parla di mercato libero luce e gas rinviato 2022? Negli anni le proroghe per la fine del mercato tutelato sono state molte, tutte con il fine di fornire al consumatore il tempo di fare il passaggio al mercato libero energia. È sufficiente pensare che prima di essere rinviata al luglio 2024 la scadenza fosse prefissata a giugno del 2015.

Conviene passare al mercato libero?

Passare al mercato libero venendo da quello a maggior tutela conviene principalmente per 2 motivi:

  1. Il mercato libero consente di risparmiare più di 200€/anno rispetto a quello di maggior tutela;
  2. Hai la possibilità di scegliere la tariffa più adatta a te tra decine di offerte differenti.

Infatti confrontando le offerte di fornitori che operano in entrambi i mercati, le tariffe del mercato libero risultano essere più convenienti. Se ti stai chiedendo se Enel Energia conviene o no nel mercato libero la risposta è si ed il risparmio può arrivare anche fino a 250€.

Inoltre il mercato libero ti offre la possibilità di optare per l’alternativa più personalizzata e adatta alle tue esigenze. Quindi rispetto al mercato tutelato hai l’occasione di sottoscrivere un’offerta conveniente, secondo le tue necessità.

Vuoi un aiuto nella scelta dell'offerta luce e gas del mercato libero? Contattaci gratuitamente al02 9475 8772 02 9475 8772 Prendi un appuntamento gratuito con un nostro esperto energia per ottenere assistenza sull'attivazione di un'offerta luce e gas nel mercato libero o per scoprire il fornitore più conveniente.

Quale fornitore di energia elettrica e gas è più conveniente?

Tra le tariffe del gas e dell'energia elettrica nel mercato libero troviamo una grande varietà di offerte adatte alle esigenze di ogni tipo di utente. Per aiutarti nell'individuazione dell'offerta luce e gas più conveniente  abbiamo selezionato nella tabella sottostante le migliori 3 offerte del mercato libero.

💡Le migliori offerte di luce e gas più convenienti del 28 maggio 2024

Next Energy Sunlight Luce e Gas
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 30/05/2024
121,1
€/mese 
Luce: 42,3 €/mese
Gas: 78,8 €/mese
4,5 / 5  (118 voti)
Sconto: 60€ + 90€ se aggiungi anche la fibra.

Offerta: NEXT ENERGY SUNLIGHT LUCE E GAS

Sconto: 60€ + 90€ se aggiungi anche la fibra.
Scade il 30/05/2024
  • Offerta indicizzata
  • Prezzo luce: PUN + 0,01 €/kWh
  • Prezzo gas: PSV + 0,1 €/Smc
  • Quota fissa: Luce 7,6 €/mese, Gas 9,5 €/mese
Special 48 Luce e Gas
4,6 / 5  (77 voti)
Scade il 10/06/2024
122,3
€/mese 
Luce: 45,7 €/mese
Gas: 76,6 €/mese
4,6 / 5  (77 voti)
Sconto 96€ in bolletta.

Offerta: SPECIAL 48 LUCE E GAS

Sconto 96€ in bolletta.
Scade il 10/06/2024
  • Offerta fissa
  • Prezzo luce: 0,139 €/kWh
  • Prezzo gas: 0,49 €/Smc
  • Quota fissa: Luce 4 €/mese, Gas 4 €/mese
Next Energy Smart Luce e Gas
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 30/05/2024
123,2
€/mese 
Luce: 44,1 €/mese
Gas: 79,1 €/mese
4,5 / 5  (118 voti)
100€ + 50€ se aggiungi anche la fibra.

Offerta: NEXT ENERGY SMART LUCE E GAS

100€ + 50€ se aggiungi anche la fibra.
Scade il 30/05/2024
  • Offerta fissa
  • Prezzo luce: 0,11 €/kWh
  • Prezzo gas: 0,45 €/Smc
  • Quota fissa: Luce 12 €/mese, Gas 12 €/mese

La bolletta mensile è calcolata con un consumo di 1800 kWh e 800 Smc e include eventuali sconti previsti dall'offerta; per le tariffe indicizzate è usata una stima del prezzo PUN (luce) e del PSV (gas) del prossimo anno pubblicato dall'Autorità.

Infatti i numerosi gestori del mercato libero (come Enel, Edison, Sorgenia, Iren, Acea e altri) che propongono le loro offerte possono creare un po' di confusione. Inoltre, per attirare il maggior numero di clienti, molti fornitori propongono sconti speciali e promozioni per chi viene dal mercato di maggior tutela. 

Quando conviene restare con la propria offerta? Se hai dei dubbi se cambiare fornitore o meno, sappi che ti converrà restare con l'attuale offerta solo nel caso tu abbia un'offerta a prezzo bloccato con dei costi per l'energia inferiori a quelli delle offerte sopraindicate. Se invece ti trovi nel mercato tutelato o con un'offerta del mercato libero allora molto probabilmente ci sono offerte più vantaggiose.

Cosa succede se non si passa al mercato libero?

Al momento non sono previste sanzioni per chi non passa al mercato libero entro luglio 2024. Nonostante questo però è bene ricordare che il mercato tutelato verrà lentamente abolito, quindi è necessario fare il passaggio obbligatorio al mercato libero. Chi non dovesse fare il passaggio al mercato libero entro il termine andrà incontro ad un iter non ancora del tutto definito che, in tutti i modi, condurrà loro verso il libero mercato dell'energia. Insomma prima o poi tutti i clienti passeranno al libero, ecco perché consigliamo di giocare d'anticipo e confrontare i prezzi per decidere sin da subito in autonomia e con consapevolezza il tuo nuovo fornitore del mercato libero.

Probabilmente per coloro che a luglio 2024 non avranno fatto il passaggio verranno garantiti altri 6 mesi provvisori, con l'obiettivo di dare altro tempo all'utente per fare il passaggio. In questi 6 mesi l'utente otterrà un'offerta PLACET, che presenta condizioni simili a quelle del mercato tutelato e che potrà cambiare in qualsiasi momento.

Dopo questi 6 mesi, se l'utente non ha ancora provveduto al passaggio, potrebbe essergli assegnato un nuovo fornitore, tramite una gara nazionale, con tariffe PLACET.

L'utente può procedere al passaggio al mercato libero in qualunque momento(per esempio passando al mercato libero con Enel), senza costi aggiuntivi o interruzioni della fornitura. Anche nel caso dell'assegnazione di un nuovo gestore con offerta PLACET le utenze non verranno interrotte (ad eccezione di casi di morosità dopo segnalazioni di pagamento).

Come e quando conviene passare al mercato libero?

Come anticipato, ogni momento è buono per poter fare il cambio fornitore. Oggi conviene passare al mercato libero energia elettrica e gas, in quanto così avrai tutto il tempo per valutare le differenti alternative presenti sul mercato.

Per passare dal mercato tutelato a quello libero non dovrai fare altro che contattare il servizio clienti del fornitore scelto e chiedere l’attivazione dell’offerta. Sarà il nuovo gestore ad occuparsi della disdetta e del recesso dal contratto precedente e a comunicare con il vecchio fornitore.

L’unica cosa di cui dovrai occuparti è fornire le informazioni necessarie per la stipulazione del nuovo contratto di fornitura. Tra queste ci sono:

  • I principali dati anagrafici dell'intestatario;
  • Il codice fiscale e un documento di identità in corso di validità dell'intestatario;
  • L'indirizzo di fornitura (e quello di fatturazione dove ricevere le bollette, se diverso);
  • Un'email;
  • Un numero di telefono.

Se desideri attivare la domiciliazione bancaria, cioè l'addebito diretto su conto corrente della bolletta, come metodo di pagamento ti verrà richiesto anche il codice IBAN. Inoltre il passaggio è sempre gratuito e non richiede un costo aggiuntivo rispetto a quello previsto dal contratto. In aggiunta a questo non sono necessari interventi tecnici sul contatore, esattamente come la voltura.