Cosa succede se non si passa al Mercato Libero?

Aggiornato in data
min. di lettura

Cambia fornitore prima della fine del Mercato Tutelato!

Cambia fornitore prima della fine del Mercato Tutelato!

passaggio obbligatorio mercato libero
Se non passi al mercato libero entro la fine del tutelato verrai assegnato automaticamente ad un fornitore.

Se non passi spontaneamente al mercato libero, quando finirà il mercato tutelato della luce, ovvero il 10 luglio 2024, verrai assegnato automaticamente ad un fornitore del mercato libero, sotto il regime del Servizio di Tutele Graduali, dalla durata di 3 anni.

Perché il Mercato Tutelato ha scadenza diverse per Luce e Gas? L'ultimo aggiornamento prevede una proroga nella fine del mercato tutelato. Il mercato tutelato del Gas è stato chiuso nella data prestabilita, il 10 luglio 2024, mentre quello della luce è stato rimandato al 1° luglio 2024. Questo avviene perché la maggior parte degli utenti si trovano nel tutelato della luce e questo ha un funzionamento differente e più complesso rispetto a quello del gas. Queste problematiche hanno causato un ritardo nel processo di chiusura, tale per cui si è scelto di far slittare di altri 3 mesi la data di fine.

Confronta le Offerte Luce e Gas

Che cosa succede se non passo al mercato libero?

Non è prevista nessuna sanzione o interruzione delle forniture per gli utenti che non passano al mercato libero entro la chiusura di quello tutelato.

È importante però sapere che il mercato di maggior tutela chiuderà definitivamente il 1° luglio 2024 e pertanto bisogna considerare che tutti coloro che alla scadenza non avranno effettuato il passaggio entreranno in un processo di transizione chiamato Servizio a Tutele Graduali. Al momento per chi desidera mantenere le condizioni contrattuali e l'andamento del prezzo energia indicizzato, ha la possibilità di scegliere una promo PLACET che presenta le stesse caratteristiche del mercato tutelato ma è proposta dal fornitore nel mercato libero.

Chi non sarà ancora passato dal mercato tutelato a quello libero al termine della scadenza rischierà di trovarsi senza fornitore? Questo non può accadere! Come abbiamo detto in precedenza, inizierà un processo di transizione per accompagnare tali clienti con consapevolezza verso il mercato libero (vedi il Servizio a Tutele Graduali creato per le PMI).

Cosa fare per passare al mercato libero?

Per poter effettuare il passaggio dal mercato tutelato a quello libero, puoi confrontare le promozioni e tariffe, scegliere quella che si addice meglio alle tue esigenze e sottoscriverla. Per effettuare il passaggio dal tutelato al libero ti basterà scegliere il fornitore del mercato libero e attivare un offerta. Quest'ultimo si occuperà di comunicare il passaggio al vecchio fornitore, senza che sia necessario il tuo intervento. 

Nella tabella sottostante trovi le migliori offerte luce e gas del mercato libero.

💡Le migliori offerte di luce e gas più convenienti del 28 maggio 2024

Next Energy Sunlight Luce e Gas
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 30/05/2024
121,1
€/mese 
Luce: 42,3 €/mese
Gas: 78,8 €/mese
4,5 / 5  (118 voti)
Sconto: 60€ + 90€ se aggiungi anche la fibra.

Offerta: NEXT ENERGY SUNLIGHT LUCE E GAS

Sconto: 60€ + 90€ se aggiungi anche la fibra.
Scade il 30/05/2024
  • Offerta indicizzata
  • Prezzo luce: PUN + 0,01 €/kWh
  • Prezzo gas: PSV + 0,1 €/Smc
  • Quota fissa: Luce 7,6 €/mese, Gas 9,5 €/mese
Special 48 Luce e Gas
4,6 / 5  (77 voti)
Scade il 10/06/2024
122,3
€/mese 
Luce: 45,7 €/mese
Gas: 76,6 €/mese
4,6 / 5  (77 voti)
Sconto 96€ in bolletta.

Offerta: SPECIAL 48 LUCE E GAS

Sconto 96€ in bolletta.
Scade il 10/06/2024
  • Offerta fissa
  • Prezzo luce: 0,139 €/kWh
  • Prezzo gas: 0,49 €/Smc
  • Quota fissa: Luce 4 €/mese, Gas 4 €/mese
Next Energy Smart Luce e Gas
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 30/05/2024
123,2
€/mese 
Luce: 44,1 €/mese
Gas: 79,1 €/mese
4,5 / 5  (118 voti)
100€ + 50€ se aggiungi anche la fibra.

Offerta: NEXT ENERGY SMART LUCE E GAS

100€ + 50€ se aggiungi anche la fibra.
Scade il 30/05/2024
  • Offerta fissa
  • Prezzo luce: 0,11 €/kWh
  • Prezzo gas: 0,45 €/Smc
  • Quota fissa: Luce 12 €/mese, Gas 12 €/mese

La bolletta mensile è calcolata con un consumo di 1800 kWh e 800 Smc e include eventuali sconti previsti dall'offerta; per le tariffe indicizzate è usata una stima del prezzo PUN (luce) e del PSV (gas) del prossimo anno pubblicato dall'Autorità.

Per sottoscrivere la promozione ti sarà sufficiente comunicare alcune informazioni:

  • I dati anagrafici dell'intestatario, come nome, cognome, codice fiscale;
  • Il codice POD in caso dell'utenza luce e il codice PDR in caso di utenza gas;
  • Indirizzo di fornitura e di fatturazione (nel caso siano diversi, se no è valido quello di fornitura);
  • L'indirizzo email e il numero di telefono;
  • L'IBAN in caso di domiciliazione bancaria con addebito diretto su conto corrente.

È importante conoscere il mercato libero e i suoi fornitori, conoscere le offerte tra le quali poter scegliere e confrontarle fra loro. Per chi è ancora cliente del mercato tutelato, esistono anche delle offerte create ad hoc, proposte dai principali fornitori del mercato libero. Spesso le tariffe più convenienti sono riservate ai nuovi clienti e prevedono la domiciliazione su conto corrente e la bolletta digitale.

Il passaggio è sempre gratuito, non comporta interventi tecnici sul contatore né sull'impianto. Ad un mese dalla sottoscrizione dell'offerta ti arriveranno le bollette del nuovo fornitore, non dovrai recarti in nessuno sportello, metterti in fila o avere a che fare con la burocrazia. Potrai effettuare il passaggio in maniera comoda e gratuita e cambiare fornitore o offerta ogni qual volta vorrai, senza dover pagare penali o disdette. Se le offerte indicate non ti soddisfano confronta i tutti i fornitori luce e gas.

Mercato libero e tutelato di luce e gas: cosa significa?

Che cosa significa esattamente mercato libero e quali differenze ci sono con il mercato tutelato? Il mercato libero (tra i fornitori ci sono: Enel mercato libero, Acea, Sorgenia, NeN, A2A, Hera, Eni Plenitude ecc.) offre ai propri clienti:

  • Tariffe stabilite dal singolo fornitore;
  • Tariffe bloccate da 1 a 2 anni, indicizzate e variabili;
  • Possibilità di confrontare i fornitori tra loro;
  • Servizi aggiuntivi e/o promozioni;
  • Servizio clienti online o via app.

Il mercato tutelato (anche detto mercato di maggior tutela) propone prezzi imposti da ARERA (l’Autorità per l’Energia). Tra i fornitori del mercato tutelato ci sono: Servizio Elettrico Nazionale (mercato tutelato Enel), Servizio Elettrico Roma, Acel Energie, Bolletta Elettrica Transitoria, ecc. Offre ai propri clienti:

  • Tariffe stabilite da ARERA
  • Tariffe aggiornate ogni 3 mesi per la luce e ogni mese per il gas
  • Tutti i fornitori vendono le stesse tariffe
  • Il fornitore è vincolato al distributore elettrico di zona
  • Assenza di servizi aggiuntivi e/o promozioni
  • Non sempre è disponibile il servizio clienti online o via app

La differenza principale che sussiste fra mercato libero e mercato tutelato, dunque, sta nella tipologia delle tariffe offerte. Il mercato libero propone prezzi stabili e concorrenziali, quello tutelato stabilisce dei prezzi imposti e fissi, che variano ogni 3 mesi. Quello che conviene sapere è che da luglio 2024 il mercato tutelato sparirà, cedendo per intero il posto al mercato libero.

Facciamo un po' di chiarezza andando a ritroso nel tempo e capiamo quando e perché il mercato tutelato sarà destinato a sparire.

La fine del mercato tutelato sarebbe dovuta avvenire il primo luglio 2019, ma con un emendamento che sarebbe poi rifluito nel Decreto-Legge 30 dicembre 2019, n. 162 nell'art. 12 dedicato alle proroghe in termini di sviluppi economici, questa data venne slittata al primo luglio 2020. A questo primo rinvio ne sono succeduti altri due, fino ad arrivare all'emendamento Milleproroghe 2021, proposto da Davide Crippa del M5S durante il governo Draghi, che ha fatto slittare la data ufficiale per la fine del mercato di maggior tutela a luglio 2024.

Salvo nuove proroghe, dopo questa data, tutti i fornitori del servizio di maggior tutela chiuderanno i battenti, a partire dal primo operatore attivo in questo mercato: l'ex Enel Servizio Elettrico, ora Servizio Elettrico Nazionale, che dovrà fare il passaggio obbligatorio al mercato libero dell'energia. Il motivo per cui ci sono state così tante proroghe e rinvii relativamente alla fine del mercato tutelato è perché si è voluto dare più tempo ai consumatori per informarsi e comprendere le differenze tra mercato libero e tutelato.

Ma come dicevamo, il mercato tutelato non sarà destinato a sparire all'improvviso. Questo processo avverrà in modo graduale per permettere a tutti di transitare al libero mercato secondo tempi e modalità comodi al consumatore, riducendo l’impatto iniziale per chi deve effettuare il passaggio e offrendo maggior supporto alle famiglie e piccole imprese. Il provvedimento firmato da Crippa - detto Regime Transitorio - garantisce a tutti coloro che non sono ancora passati dal mercato tutelato a quello libero, le stesse condizioni del mercato di maggior tutela fino alla data ultima di luglio 2024. Attraverso questa estensione, i clienti potranno godere di più tempo per valutare le tariffe più convenienti nel libero mercato, mantenendo bloccata la tariffa attuale.

Chi riguarda il provvedimento? Questo nuovo rinvio riguarda due categorie di utenze: i clienti domestici e le microimprese (aziende con meno di 10 impiegati e con un fatturato annuo inferiore ai 2 milioni di €). Le imprese che presentano specifiche caratteristiche (tra 10 e 50 dipendenti e fatturato annuo tra 2 e 10 milioni di €, oppure potenza impegnata del punto prelievo maggiore a 15kW) sono già passate al Mercato Libero nel gennaio 2021. Per le imprese che ancora non hanno provveduto a farlo, è stato creato, per tre anni, il Servizio a Tutele Graduali (STG).

Cosa cambia in bolletta col passaggio da mercato tutelato a libero? La bolletta del gas e quella della luce non subiranno cambiamenti, la struttura rimarrà la stessa, così come tutte le voci al suo interno: troverai i dati della tua fornitura, la sintesi degli importi fatturati con il grafico a torta, il dettaglio dei consumi e le comunicazioni al cliente.

Perché chiude il mercato tutelato?

Il processo di liberalizzazione del mercato e la fine del mercato tutelato, in Italia ha avuto inizio nel 1999 col Dl. n. 79 del 16 marzo, meglio conosciuto come decreto Bersani, il quale ha creato un libero mercato che negli anni successivi ha gradualmente permesso la liberalizzazione delle attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica, fino ad arrivare, nel 2007, alla sua completa liberalizzazione.

Oggi l'utente può scegliere la tariffa, l'offerta e il fornitore che preferisce in base alle sue abitudini e alle sue esigenze. Grazie al Ddl Concorrenza, divenuto legge nell'agosto del 2017, il mercato tutelato verrà totalmente e gradualmente abolito e rimarrà solo il mercato libero, più dinamico e concorrenziale.

Passare dal mercato tutelato a quello libero è più semplice di quello che pensi: basterà scegliere il tuo nuovo fornitore del libero e sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura, con il quale verrà rescisso quello attualmente attivo nel mercato tutelato in modo automatico e senza subire interruzioni di corrente o interventi sul contatore.

Chi può rimanere nel mercato tutelato del gas?

Gli unici clienti a cui è stata consentita la permanenza nel mercato tutelato del gas sono stati i "clienti vulnerabili". Questi, riconosciuti tramite diverse caratteristiche hanno avuto la possibilità di non effettuara alcun cambio e rimanere nel mercato tutelato della vulnerabilità.