Accensione riscaldamento Torino: date 2023 e regolamenti

Aggiornato in data
min. di lettura

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Accensione riscaldamento Torino
Scopriamo le date per l'accensione dei riscaldamenti a Torino e zona E per il 2023, e le regole da rispettare per ottimizzare i consumi di energia.

Con l'arrivo della stagione invernale, torna il momento di accendere i sistemi di riscaldamento. In questo articolo, facciamo chiarezza sulle date di avvio dei riscaldamenti per Torino, ma anche per tutte le altre province comprese nella zona climatica E, come Bologna.

Per il 2023, la data prevista per l'accensione dei riscaldamenti a Torino è il 22 ottobre. Questa stessa data è stata adottata anche dai Comuni limitrofi che rientrano nella medesima zona climatica E. Nei vari centri urbani compresi in questa area, i radiatori in alluminio e in ghisa rimarranno in funzione fino al 7 aprile, salvo eventuali cambiamenti normativi.

Quando si accendono i riscaldamenti in Italia? Per conoscere le date di accensione dei riscaldamenti in Italia, è essenziale tenere conto delle fasce climatiche designate, ciascuna delle quali ha le proprie date di inizio e fine della stagione di riscaldamento. Se vuoi avere un quadro completo delle date di attivazione e disattivazione del riscaldamento centralizzato in Italia, trovi tutte le informazioni nell'articolo dedicato, dove è riportato il calendario di riscaldamento per tutte le zone climatiche, in modo da poter pianificare al meglio il tuo sistema di riscaldamento in base alle specifiche esigenze della tua zona. In questo modo potrai mantenere la tua casa calda e confortevole durante la stagione fredda, risparmiando energia e costi.

Accensione riscaldamenti Torino e Zona E: le date 2023

Torino è una tra le città più rilevanti che rientrano nella zona climatica E, una delle sei zone climatiche identificate in base all'alfabeto, dalla A alla F. La principale differenza tra queste aree è rappresentata dai Gradi-Giorno (spesso abbreviati come "GG" o "g-g"), che costituiscono un indicatore dell'andamento climatico medio di un determinato comune, indipendentemente dalla sua latitudine o regione di appartenenza.

La zona climatica E comprende tutti i comuni con Gradi-Giorno compresi tra 2.101 e 3.000. Questo intervallo corrisponde a un periodo di funzionamento dei riscaldamenti dal 22 ottobre al 7 aprile, con una durata di 13 ore al giorno. A titolo di esempio, Bologna conta circa 2.256 GG, mentre Torino si attesta intorno a 2.617 GG, facendo di questa zona una delle più fredde in Italia. Solo la zona F, che comprende località come Trento e le zone alpine, ha un periodo di funzionamento prolungato durante tutto l'anno, senza restrizioni temporali significative.

Tuttavia, non sono solo Bologna e Torino a far parte della zona climatica E, ma ben 4.222 comuni. Di seguito, l'elenco delle province che rientrano in questa vasta area climatica:

Accensione riscaldamento 2023 Zona E: 22 ottobre 2023 - 7 aprile 2024
Province Zona E
Bologna (BO)Torino (TO)
Parma (PA)Milano (MI)
Milano (MI)Udine (UD)
Verona (VR)Venezia (VE)
Perugia (PG)Aosta (AO)
Potenza (PZ)L’Aquila (AQ)

Le zone climatiche in Italia

La suddivisione delle aree climatiche in Italia è stata stabilita dal Decreto del Presidente della Repubblica (D.P.R.) numero 412 del 26 agosto 1993. Questa suddivisione si basa su una combinazione di condizioni meteorologiche e dati relativi ai Gradi-Giorno. La categorizzazione non è influenzata solo dalla posizione geografica, che va da Nord a Sud, ma considera anche l'altitudine delle diverse zone. Di conseguenza, ciascun comune è assegnato a una specifica fascia climatica che determina le regole e i periodi di attivazione dei sistemi di riscaldamento.

Cosa sono i Gradi Giorno? I Gradi Giorno (spesso abbreviati in GG o gr-g) rappresentano un indice di fondamentale importanza utilizzato sia in climatologia che nell'ambito del riscaldamento per valutare l'esigenza di riscaldamento o raffreddamento in una specifica area geografica durante un dato periodo dell'anno. Sostanzialmente, i Gradi Giorno misurano la differenza tra la temperatura esterna e una temperatura di riferimento considerata confortevole all'interno di un edificio, moltiplicata per il numero di giorni considerati nel calcolo. In Italia, il territorio è suddiviso in diverse fasce climatiche, dalla A alla F, classificate in base al clima predominante e, in particolare, ai Gradi Giorno accumulati nell'arco dell'anno. Questo significa che, conoscendo la zona climatica in cui si trova una città o una regione, è possibile avere una stima dell'entità del riscaldamento necessario per mantenere un ambiente confortevole durante l'inverno. Questa informazione è fondamentale per determinare quando è opportuno accendere o spegnere i sistemi di riscaldamento, come ad esempio nel caso di Torino. In altre parole, i Gradi Giorno consentono di adattare l'uso del riscaldamento alle condizioni climatiche specifiche di ciascuna zona, contribuendo così all'ottimizzazione dell'efficienza energetica e al risparmio di energia.

Le fasce climatiche in Italia sono le seguenti:

Zone climatiche in Italia
Zona ClimaticaGradi Giorno di riferimentoOre di riscaldamento giornaliere previsteComuni
Zona AInferiori a 6005 ore al giornoLinosa, Lampedusa e Porto Empedocle
Zona BTra 600 e 9007 ore al giornoAgrigento, Catania, Messina, Palermo, Siracusa, Trapani, Crotone e Reggio Calabria
Zona CTra 901 e 14009 ore al giornoBari, Brindisi, Lecce, Taranto, Benevento, Salerno, Napoli, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Sassari, Oristano, Cagliari, Imperia, Latina e Ragusa
Zona DTra 1401 e 200011 ore al giornoAncona, Ascoli Piceno, Macerata, Pesao, Massa Carrara, Livorno, Grosseto, Lucca, Firenze, Pistoia, Pisa, Prato, Siena, Teramo, Pescara, Chieti, Genova, La Spezia, Savona, Roma, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Foggia, Forlì, Isernia, Matera, Nuoro, Terni e Vibo Valentia
Zona ETra 2001 e 300013 ore al giornoAlessandria, Aosta, Asti, Biella, Novara, Torino, Verbania, Vercelli, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lodi, Lecco, Milano, Varese, Sondrio, Pavia, Bologna, Ferrara, Piacenza, Modena, Parma, Ravenna, Rimini, Reggio Emilia, Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza, Padova, Rovigo, Rieti, Frosinone, Bolzano, Campobasso, Enna, L’Aquila, Perugia, Potenza, Arezzo
Zona FOltre 3000Nessun limiteCuneo, Belluno e Trento

Accensione riscaldamenti Torino: quali sono le norme di riferimento?

In Italia, il funzionamento dei sistemi di riscaldamento centralizzato è regolato da un complesso di normative che stabiliscono sia i periodi di attivazione che la durata massima giornaliera durante la quale il riscaldamento può essere attivo. La determinazione di tali criteri dipende dalla categoria climatica assegnata a ciascuna zona, basata, come abbiamo menzionato, sui Gradi Giorno. I principali riferimenti legislativi in questo settore includono:

  • Le direttive nazionali, in particolare il Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) numero 412/1993 e la Legge numero 10/1991, con le loro successive modifiche e integrazioni. Questi documenti definiscono, tra le altre cose, la suddivisione dell'Italia in sei diverse zone climatiche e stabiliscono linee guida generali per i sistemi di riscaldamento. Inoltre, il panorama legislativo si arricchisce con il DPR 74/2013 e altre normative correlate.
  • Le decisioni prese durante le assemblee condominiali, che possono variare da un edificio all'altro e stabiliscono gli orari di attivazione del riscaldamento. Rispettando queste disposizioni, è possibile utilizzare valvole termostatiche per regolare la temperatura in modo personalizzato.
  • Direttive locali, emesse dai sindaci in risposta a condizioni climatiche particolari, che possono estendere o limitare l'operatività dei sistemi di riscaldamento.

È essenziale sottolineare che le attuali normative richiedono che i riscaldamenti centralizzati mantengano una temperatura ambiente di 19°C, con una tolleranza di fluttuazione di 2°C (compresa tra 17 e 21°C). Inoltre, l'amministratore dell'edificio ha l'obbligo di pubblicare un avviso nella sala caldaie contenente le date di attivazione previste, le ore di funzionamento giornaliero e le informazioni relative all'ente responsabile della manutenzione. Ciò garantisce la conformità alle leggi vigenti e il corretto funzionamento dei sistemi di riscaldamento centralizzato.

Controlla sempre il sito del tuo comune! Oltre alle direttive stabilite dalla legislazione nazionale, le autorità italiane possono intervenire con un decreto annuale per apportare eventuali aggiustamenti alle date stabilite in precedenza. Inoltre, i sindaci hanno l'autorità di emettere ordinanze a livello comunale per personalizzare i tempi di accensione e spegnimento dei sistemi di riscaldamento in base alle specifiche esigenze locali. Per rimanere costantemente informati sulle date ufficiali e su possibili modifiche, è consigliabile consultare il portale online del proprio comune di residenza. Restare informati attraverso i canali ufficiali è fondamentale per assicurarsi che il proprio impianto di riscaldamento sia in linea con le normative locali e nazionali e per garantire un adeguato comfort termico durante i mesi più freddi.

Controlla l'accensione del riscaldamento nei principali comuni italiani
Accensione Riscaldamento in ItaliaAccensione Riscaldamento RomaAccensione Riscaldamento Milano

Come risparmiare sul riscaldamento in inverno?

Gestire le spese di riscaldamento durante i mesi invernali può essere una sfida, dato che il consumo energetico può variare considerevolmente a causa delle condizioni atmosferiche, che possono essere incerte o difficili da prevedere. Pertanto, è prudente adottare misure volte a migliorare l'efficienza energetica della propria abitazione, usufruendo delle agevolazioni e delle deduzioni fiscali disponibili, e scegliendo un sistema di riscaldamento che soddisfi le proprie esigenze. Inoltre, quando l'abitazione è vuota, è consigliabile regolare o spegnere il riscaldamento per minimizzare il consumo energetico.

Per quanto riguarda le indicazioni relative al riscaldamento centralizzato, alcune raccomandazioni sono particolarmente importanti:

  1. Rispettare gli orari prestabiliti per l'accensione e lo spegnimento del riscaldamento, assicurandosi di non superare le 13 ore di funzionamento quotidiano consentite (per le province della zona E).
  2. Ridurre al minimo le perdite di calore regolando in modo oculato i termostati nelle diverse unità residenziali, cercando di mantenere una temperatura confortevole senza eccessi.
  3. Collaborare attivamente con gli amministratori condominiali, segnalando tempestivamente eventuali malfunzionamenti o perdite di calore nelle aree comuni.
  4. Investire nell'efficienza termica degli edifici e considerare l'utilizzo di vetrate ad alta efficienza per limitare le perdite di calore.
  5. Adottare un comportamento responsabile nell'uso dell'energia, evitando aperture inopportune di porte e finestre e spegnendo il riscaldamento quando non è necessario.

In conclusione, è fondamentale selezionare con cura un contratto di fornitura gas che si adatti alle proprie esigenze di consumo, valutando attentamente le offerte presentate dalle diverse aziende del settore. Queste pratiche possono contribuire in modo significativo a ridurre i costi e a migliorare l'efficienza nell'uso dell'energia durante la stagione invernale.

🔥Le migliori offerte gas più convenienti del

Special 12 Gas
4,6 / 5  (79 voti)
Scade il 06/08/2024
81,4
€/mese 
4,6 / 5  (79 voti)
Sconto 12€ in bolletta.

Offerta: SPECIAL 12 GAS

Sconto 12€ in bolletta.
Scade il 06/08/2024
  • Offerta fissa
  • Prezzo: 0,49 €/Smc
  • Quota fissa: 8 €/mese
Trend Casa Gas
4 / 5  (82 voti)
Scade il 08/08/2024
87,8
€/mese 
4 / 5  (82 voti)
Sconto 12€ in bolletta con Rid bancario.

Offerta: TREND CASA GAS

Sconto 12€ in bolletta con Rid bancario.
Scade il 08/08/2024
  • Offerta indicizzata
  • Prezzo: PSV + 0,1 €/Smc
  • Quota fissa: 12 €/mese
Formidabile Gas Flex
3,9 / 5  (105 voti)
Scade il 26/09/2024
88,1
€/mese 
3,9 / 5  (105 voti)

Offerta: FORMIDABILE GAS FLEX

Scade il 26/09/2024
Next Energy Smart Gas
4,5 / 5  (118 voti)
Scade il 25/07/2024
90,9
€/mese 
4,5 / 5  (118 voti)
60€ di sconto se aggiungi anche la fibra o luce

Offerta: NEXT ENERGY SMART GAS

60€ di sconto se aggiungi anche la fibra o luce
Scade il 25/07/2024

La bolletta mensile è calcolata con un consumo di 800 Smc e include eventuali sconti previsti dall'offerta, imposte e IVA; per le tariffe indicizzate è usata una stima del prezzo del PSV (gas) del prossimo anno pubblicato dall'Autorità.