Che cos'è la Modifica Unilaterale del Contratto

Info luce gasInfo contatori luce gas

Scopri le Migliori Offerte Luce&Gas di Oggi

Risparmia oltre 109 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Più info
Info luce gasInfo contatori luce gas

Scopri le Migliori Offerte Luce&Gas di Oggi

Risparmia oltre 109 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Più info
modificare un contratto
Modifica Unilaterale Contratto luce e gas: cosa significa?

La modifica unilaterale del contratto è una procedura che può avvenire da entrambe le parti, sia dal cliente che dal fornitore. Il primo, può chiedere un cambio offerta o un recesso anticipato, il secondo può modificare il prezzo in bolletta. Vediamo perchè e come tutelarsi.


Che cos'è la Modifica Unilaterale del Contratto?

Quando avviene Alla scadenza dell'offerta stipulata, il fornitore può cambiare il prezzo della tariffa offerta. Quando accade, deve avvisare sempre il proprio cliente.
Tempo di preavviso Un preavviso minimo di 3 mesi, che se non viene rispettato, prevede un indennizzo di € 30 per il cliente.
Comunicazione scritta Contenente tutti i dati riguardanti la modifica, le nuove tariffe e la data.
Rifiuto o adesione alla proposta Puoi cambiare fornitore oppure inviare un fax o raccomandata A/R entro 30 giorni.

Il mercato libero promuove la libera concorrenza tra fornitori, i quali possono garantire ai propri clienti un prezzo basso e bloccato per 12 o 24 mesi a seconda dell'offerta. Gli stessi fornitori possono però applicare, per legge, delle modifiche unilaterali al contratto di fornitura, ovvero decidere di modificare i prezzi alla scadenza del primo/primi due anni dell'offerta. La comunicazione arriva al cliente, via mail o via posta, con un preavviso minimo di 3 mesi e solitamente avviene a seguito della scadenza del contratto. Se invece, la modifica della tariffa era già prevista nel contratto originario, il cliente verrà informato dei nuovi aggiornamenti direttamente in bolletta e non con una comunicazione scritta per posta o email. Una volta ricevuta la notifica, il cliente può decidere di cambiare offerta, fornitore oppure, se non fa nulla, il contratto si rinnova automaticamente alle nuove condizioni poste dal gestore.

Assieme alla comunicazione del contratto devono essere indicate in modo chiaro tutte le modifiche proposte, come:

  • I contenuti e gli effetti della variazione in modo chiaro, completo e comprensibile al cliente;
  • La decorrenza della variazione, ossia da quando avviene la modifica;
  • Le modalità per la comunicazione del recesso da parte del cliente.

Ricorda che se non rifiuti la nuova offerta per iscritto, quest'ultima si intenderà automaticamente accettata, secondo il tacito assenso. Se vuoi comunicare il recesso di contratto puoi farlo inviando un fax o tramite raccomandata A/R, entro 30 giorni.

Che cosa fare se vuoi cambiare fornitore?

  1. Recupera una bolletta recente di luce e gas;
  2. Contatta lo 02 947 587 7202 947 587 7202 947 587 7202 947 587 72 per confrontare le offerte con l'aiuto di un esperto oppure visita l'articolo sui fornitori luce e gas del mercato libero e individua quello che più fa al caso tuo;
  3. Sottoscrivi l'offerta che fa per te. Sarà il nuovo fornitore ad inviare il recesso a quello precedente;
  4. Entro 2 mesi le utenze saranno attive con il fornitore e l'offerta da te selezionata.

Leggi anche come Richiedere il Recesso del Contratto nel mercato libero.

Perchè Aumenta la Bolletta?

Bolletta Luce
Materia prima energia 80%
Spesa per il trasporto 9%
Imposte e IVA 11%
Bolletta Gas
Materia prima gas 77%
Spesa per il trasporto 13%
Imposte e IVA 19%

La bolletta che ogni consumatore paga a fine mese può essere soggetta a degli aumenti causati da alcuni fattori: il principale è sicuramente il prezzo della materia prima (energia elettrica e gas, calcolata in base al consumo e ad una quota fissa) che, avendo un valore di mercato, è soggetta alle oscillazioni dello stesso, sempre regolato dalle variabili domanda e offerta. Altri fattori che possono causare aumenti in bolletta sono la Spesa per il trasporto e la gestione del contatore, gli Oneri di sistema, le Imposte quali IVA e accise. In aggiunta a queste variabili e in special modo negli anni 2021 - 2022, il prezzo all'ingrosso del gas metano è aumentato (e di conseguenza anche il prezzo della luce) a causa di:

  • A seguito della pandemia, la ripresa economica ha provocato una maggior richiesta e conseguentemente l'aumento dei consumi di gas;
  • Conseguentemente alla guerra scoppiata fra Russia e Ucraina gli stati come l'Italia, che dipende in larga parte da altri stati per sostentarsi a livello energetico, stanno subendo dei notevoli rincari in bolletta, causa anche il costo maggiore della materia prima agli stessi fornitori;
  • I maggiori produttori di gas naturale hanno orientato le vendite verso mercati più redditizi, come Asia e Sud America. In Italia, a seguito dell'aumento del prezzo del gas, si è alzato anche il prezzo dell'energia elettrica.

Il prezzo della materia prima dipende dall'indice PUN per la luce e TTF per il gas. Il PUN (prezzo Unico Nazionale) è il prezzo di riferimento per il mercato dell'energia elettrica. Il valore del PUN dipende dall'andamento dei consumi elettrici, dal costo di produzione della materia prima, dal prezzo dell'energia degli altri mercati europei e da fattori geopolitici e internazionali.

Il TTF ( Title Trasfer Facility) è il mercato all'ingrosso del gas naturale, il più grande in Europa, con sede in Olanda. Questo indice rappresenta il principale riferimento sui prezzi del gas in Europa ed è proprio dall'Olanda che i fornitori del mercato italiano acquistano il gas, per questo motivo l'indice TTF è fondamentale per stabilire il prezzo della materia prima gas in Italia.

E' attraverso l'andamento del PUN e del TTF che viene stabilito il prezzo delle materie prime dall'ARERA. Questi indici sono calcolati su una media giornaliera, motivo per cui si fa riferimento sempre ai prezzi relativi al mese appena passato.

Indici mercato all'ingrosso dell'energia oggi
PUN LUCE  0,429 €/kWh
TTF GAS  2,022 €/Smc
PFOR GAS OGGI 1,028 €/Smc

I prezzi sono presi da: Arera per il PFOR (aggiornato al trimestre corrente), da GME per il PUN e dall'European Gas Spot Index per il TTF, valori relativi al mese precedente.

Come Evitare gli Aumenti in Bolletta?

Per ovviare ai rincari in bolletta è necessario tenere sempre sotto controllo le bollette e cercare di capire se, decorsa l'offerta, si vuole restare con quel fornitore o se è più vantaggioso cambiarlo. E' importante comprendere bene le proprie esigenze e individuare le fasce di maggior consumo in casa, così da scegliere l'offerta giusta. Alcune buone norme per diminuire il consumo della materia energia utili evitare gli sprechi sono: staccare le prese quando hai finito di ricaricare i tuoi dispositivi, utilizzare gli elettrodomestici al massimo della loro capienza e solo nelle fasce orarie più convenienti, usare lampadine a led o a basso consumo, limitare l'uso di apparecchi per riscaldamento e raffreddamento negli ambienti allo strettamente necessario. Infine, se hai bisogno di acquistare un elettrodomestico fai attenzione alla classe energetica.

Per aiutarti nella scelta abbiamo preparato una tabella podio dedicata ai fornitori più vantaggiosi del mercato libero:

Offerte Luce e Gas: la classifica delle tariffe più convenienti Martedì 04 Ottobre 2022
Classifica Offerta Luce Gas Spesa* €/mese
  nen energia conviene
NeN Spacial 48
Luce: 80€
Gas: 147€


02 947 587 72 Attiva online (sconto 96€) Attiva online (sconto 96€)
  offerte sorgenia
Sorgenia Next Energy Sunlight
Luce: 93,7€
Gas: 189,5€

02 947 587 72 Attiva online (sconto fino a 150€) Attiva online (sconto fino a150€)
  offerte eni gas e luce
Eni Trend Casa
Luce: 99,7 €
Gas: 204 €
02 947 587 72 Attiva online (sconto 12€) Attiva online (sconto 12€)

*La spesa mensile è stata calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Mercato Libero o Tutelato?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo valutare i pro e i contro dei due servizi offerti. Il mercato libero offre ai propri utenti:

  • Tariffe stabilite dal singolo fornitore
  • Tariffe sia bloccate che indicizzate e variabili
  • Possibilità di confrontare i fornitori tra loro
  • Servizi aggiuntivi e/o promozioni
  • Servizio clienti online o via app

Il mercato tutelato invece, offre:

  • Tariffe stabilite da ARERA
  • Tariffe aggiornate ogni 3 mesi
  • Tutti i fornitori vendono le stesse tariffe
  • Il fornitore è vincolato al distributore elettrico di zona
  • Assenza di servizi aggiuntivi e/o promozioni
  • Non sempre è disponibile il servizio clienti online o via app

La vera differenza tra i due tipi di mercato, libero e tutelato, sta nella tipologia delle tariffe offerte: mentre il mercato libero offre ai propri clienti prezzi stabili e concorrenziali, quello tutelato impone prezzi fissi che subiscono modifiche circa ogni 3 mesi. Occorre sapere che, salvo variazioni ed ulteriori proroghe, il mercato tutelato sarà destinato a sparire gradualmente; il termine ultimo è attualmente gennaio 2024. Se sei già cliente di fornitori che operano nel mercato libero e hai trovato offerte più vantaggiose o che rispondono meglio alle tue esigenze, sappi che è possibile cambiare fornitore in modo facile e veloce, senza interruzione energetica o cambio del contatore. Se sei cliente di un fornitore che opera nel mercato tutelato, ti suggeriamo di iniziare a dare un'occhiata alle offerte dei fornitori operanti nel mercato libero. Attraverso la procedura detta "switching energia" puoi cambiare operatore in pochi minuti da casa.

Aggiornato in data